19 settembre 2019
Aggiornato 08:00

Pd, Zingaretti proclamato segretario: «Serve un nuovo partito, ora cambiare tutto»

In attesa di far vedere un reale cambiamento, il governatore del Lazio ha deciso di puntare sull'usato sicuro: alla Presidenza Gentiloni succederà a Orfini, e come tesoriere nominato il veterano Luigi Zanda

Video Agenzia Vista

ROMA - «Costruire il nuovo Pd, cambiare il suo organigramma, cambiare molto, forse tutto». Anche attraverso un nuovo Statuto, che «prepareremo insieme». Ma per arrivare a tutto questo basta con le correnti, con il partito a immagine personale e la contrapposizione tra maggioranza e opposizione come fossero dei «blocchi di marmo». Un partito senza porte chiuse, aperto alla società, a «forze diverse», moderate, per battere un governo ormai «salvinizzato» e «pericoloso» tanto nella Lega che nel Movimento 5 Stelle. Insomma il Pd deve «tornare alla sua missione», deve «voltare pagina».

Proclamato segretario del PD

Nicola Zingaretti viene ufficialmente proclamato segretario del Pd davanti l'assemblea dem riunita a Roma e ha spiegato, in un intervento durato un'ora e venti (integrato dalla breve replica seguita al dibattito), quella che è e sarà la sua ricetta per riportare il Partito democratico a vincere le elezioni e tornare a guidare il Paese. Perché «tutti i sondaggi indicano un significativo aumento di consenso» per il Pd, la situazione politica «sta cominciando di nuovo a muoversi».

Voltare pagina

Un partito che «deve cambiare molto, forse tutto», ha detto senza remore. Si «deve voltare pagina», a cominciare dagli scontri fra correnti che hanno caratterizzato gli ultimi tempi. «Dobbiamo costruire un nuovo Pd», perché «non credo in un partito in cui le idee sono la logica filiera di gestione del potere». «Basta con la freddezza dei terminali correntizi», ha sottolineato, chiedendo «più luoghi dove ci si confronti. Luoghi in cui non c'è una metallica rappresentazione dell'organizzazione del leader. Bisogna destrutturare tutto questo». Eliminare, ha chiesto Zingaretti, «il correntismo esasperato» abbattendo «le idee di un partito fatto da tanti «io» per riscoprire il partito del «noi"». Un quadro che potrà essere realizzato, non ha avuto dubbi Zingaretti, con la definizione di un nuovo Statuto, da «scrivere tutti insieme».

Costruire un'Italia più felice

L'obiettivo, ha rilevato, «è quello di costruire una Italia più felice di questo presente». Partendo dal fatto, ha aggiunto, che «del grande campo democratico che si batte contro destra e 5 Stelle potranno farne parte anche forze diverse, forze civiche ma anche di orientamento liberale, persino nobilmente conservatrici che sono ugualmente lontane da Salvini. Noi - ha aggiunto - non dobbiamo aprire con queste forze moderate una concorrenza distruttiva per portare a una responsabilità comune insieme delle forze di opposizione».

Governo destinato a sfarinarsi

Il neosegretario ha attaccato il governo, che «non potrà reggere a lungo questo show confuso dell'antipolitica», è destinato a «dividersi e sfarinarsi» e il voto «non è lontano». Anche se, nelle sue parole, Zingaretti ha forse fatto una leggera distinzione tra Lega e M5S. «Si stanno risvegliando segnali di ripensamento, non solo nell'elettorato del Movimento 5 Stelle», ha detto, sostenendo come soprattutto però tra i grillini «una parte grande di chi ha creduto in loro gli si sta rivoltando contro, un elettorato sofferente perché non si sente più rappresentato». Anche se «non è affatto scontato che questa parte torni da noi».

L'Esecutivo si sta salvinizzando

In ogni caso l'obiettivo principale sembra essere Salvini. «Il centrodestra - ha rilevato - si sta salvinizzando, il governo si sta salvinizzando. E questo è un pericolo. E' la Lega di Salvini la principale corresponsabile del crollo del fatturato delle aziende del Nord. E' il M5S il principale responsabile della svendita del Sud». Per Zingaretti «la Lega e i 5 stelle, entrambi pericolosi, sono tenuti insieme da un patto di potere. La destra di Salvini impone il suo umore nero al messaggio complessivo di governo».

Non si governa con i Nì

Quindi basta ad un governo che si rifugia in un continuo Nì (Tav, fisco, Via della Seta). «L'Italia - ha chiarito - è una grande paese che non si governa con i Nì ma con le grandi scelte». Da parte dell'esecutivo, ha sottolineato Zingaretti, «è in atto un vero e proprio stravolgimento di tutte le regole consolidate come dei diritti delle persone, soprattutto di quelle disperate».

La vera priorità è il lavoro

Fra le cose da fare Zingaretti ha chiarito che la lotta alla povertà «non è solo un dovere morale, è la condizione per stare meglio tutti». Poi «la nostra ossessione nel chiedere investimenti è legata alla volontà di rendere il sistema più competitivo. Bisogna mettere risorse sulla scuola, la ricerca, la formazione. Questa è anche la migliore risposta alla richiesta di sicurezza». Comunque per il segretario «la vera priorità è il lavoro. In tutto il paese, ma soprattutto nel Sud. Il Mezzogiorno è il grande dimenticato».

Sguardo al 26 maggio

Infine le elezioni, con lo sguardo rivolto prima alle amministrative del 26 maggio, che interessano 4.000 comuni. «Ci sono nuovi modelli di alleanze civiche e progressiste - ha detto - dobbiamo aiutare e facilitare queste esperienze. E anche in Parlamento facciamo un passo in avanti nella collaborazione tra tutti i gruppi di opposizione».

L'importanza della scelta in Europa

Poi le Europee, sempre il 26 maggio. Zingaretti ha detto di pensare ad un'alleanza con altri soggetti, «vogliamo costruire un'altra ipotesi di governo. Ecco perché - ha spiegato - è importante la scelta in Europa». La prima iniziativa, ha reso noto Zingaretti, è fare propria la proposta di Romano Prodi: il 21 marzo saranno esposte le bandiere d'Europa.