24 marzo 2019
Aggiornato 20:00
Infrastrutture

Tav, la mozione Lega-M5s non scioglie i nodi. Renzi: «Salvini si salva l'Italia si ferma»

Nel documento, infatti, non vengono citati i risultati dell'analisi, ci si limita a ricordare che «l'analisi costi benefici è per definizione lo strumento analitico utilizzato per valutare una decisione di investimento»

Luigi Di Maio e Matteo Salvini
Luigi Di Maio e Matteo Salvini ANSA

ROMA - E' una mozione che non scioglie il dilemma «Tav-sì, Tav-no», quella firmata da Lega e M5s in vista del dibattito alla Camera. Un testo che da un lato impegna il governo a «ridiscutere integralmente» l'opera, ma «nell'applicazione dell'accordo tra Italia e Francia». Insomma, un dispositivo che racconta bene lo sforzo di cercare un compromesso, il tentativo di tenere insieme sia le posizioni M5s - che reclamano lo stop dell'opera - e quelle della Lega: la Tav va sì «ridiscussa integralmente», ma ferma restando "l'applicazione dell'accordo» con Parigi.

Il tema dell'analisi costi-benefici

Come sottolinea il capogruppo della Lega Riccardo Molinari, il dispositivo della mozione ricalca fedelmente quanto scritto nel contratto di governo siglato lo scorso maggio. D'altro canto, nelle considerazioni che precedono il dispositivo è ampiamente richiamata l'analisi costi-benefici, voluta dai 5 stelle, che boccia la Tav. Nella mozione, però, non vengono citati i risultati dell'analisi, ci si limita a ricordare che «l'analisi costi benefici è per definizione lo strumento analitico utilizzato per valutare una decisione di investimento confrontando i relativi costi previsti e i benefici attesi».

Un testo che aggiunge poco

Secondo alcune ricostruzioni, M5s avrebbe voluto citare l'analisi anche nel dispositivo, ma la Lega si sarebbe opposta. D'altro canto, poi, sempre nelle considerazioni della mozione si legge che il governo intende gestire il dossier in un «rapporto di collaborazione e condivisione con la Francia e, contestualmente, con la Commissione Ue». Insomma, di fatto un testo che aggiunge poco rispetto alle posizioni già note e che, nella sostanza, rimette la palla nelle mani del governo.

Renzi: Salvini si salva l'Italia si ferma

La mozione Lega-M5s sulla Tav rappresenta un "voto di scambio" dopo il no dei 5 stelle alla richiesta di processare Matteo Salvini. Lo dice l'ex segretario Pd Matteo Renzi. «Di Maio salva Salvini dal processo e la Lega in cambio rinuncia a fare la Tav. Tecnicamente è voto di scambio, politicamente uno schiaffo al Nord produttivo, economicamente l'ennesimo cantiere bloccato: hanno preso tre piccioni con una fava. Salvini si salva, l'Italia si ferma».