20 novembre 2019
Aggiornato 03:30
Immigrazione

Conte incontra Kurz: sui migranti serve soluzione europea, rafforzare Frontex

Migranti, e Brexit. Questi i due temi caldi al centro dell'incontro a Palazzo Chigi tra il premier Giuseppe Conte e il cancelliere federale austriaco Sebastian Kurz

Il premier Giuseppe Conte con il cancelliere austriaco Sebastian Kurz
Il premier Giuseppe Conte con il cancelliere austriaco Sebastian Kurz ANSA

ROMA - Migranti, e Brexit. Questi i due temi caldi al centro dell'incontro a Palazzo Chigi tra il premier Giuseppe Conte e il cancelliere federale austriaco Sebastian Kurz. Il comune intento dei due primi ministri è quello di «evitare l’hard Brexit e tutelare l’unità dei 27 raggiungendo un accordo» con Londra – e della questione «sfidante» della doppia cittadinanza. «Se non vogliamo un altro caso Diciotti abbiamo bisogno di una risposta europea», rilancia il presidente del Consiglio, che spiega di aver rappresentato «la posizione italiana» proprio alla vigilia del vertice di Salisburgo, dal quale, però, come sostiene una fonte qualificata dell’Ue, non è attesa nessuna svolta sui due maggiori temi controversi della politica d’immigrazione, la gestione degli sbarchi e la riforma del sistema dell’asilo comune di Dublino. «Con il cancelliere Kurz abbiamo avuto uno scambio preparatorio per i buoni risultati del vertice di Salisburgo – aggiunge Conte – e tra i temi toccati c’è l’immigrazione, che è tema prioritario nell’agenda europea».

Cosa aspettarsi dal vertice di Salisburgo
L’Italia chiede di lavorare per realizzare quel processo che ha avuto "una svolta" con le conclusioni del vertice di giugno, quando sembrava essere arrivata una nuova prospettiva per la strategia europea sull’immigrazione. Da parte sua Kunz ha espresso soddisfazione per il fatto che l’Italia sia riuscita a bloccare e ridurre notevolmente i flussi migratori, con un meno 80% di sbarchi rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. Un risultato «positivo non solo per l’Italia ma anche per l’Austria e per l’Ue nel suo complesso». Ma serve una soluzione complessiva nell’Ue e ridurre questi flussi, non siamo arrivati dove volevamo arrivare ma siamo nella direzione giusta – sottolinea Kurz -. Al vertice di Salisburgo l’obiettivo è raggiungere e realizzare quello che si è deciso a livello europeo a giugno e speriamo di riuscirci.

Rafforzare Frontex
Tra gli obiettivi della due giorni che si apre domani «migliorare il mandato di Frontex e se raggiungiamo l’unanimità rafforzarlo. Spero che faremo passi avanti per trovare una soluzione alla crisi migratoria come un’Ue unita per distruggere questo modello di business dei trafficanti e bloccare i flussi». Conte concorda sulla necessità di «rivedere in modo efficace i protocolli operativi, come Sofia e Frontex, che vanno aggiornati alla luce delle conclusioni che abbiamo raggiunto lo scorso giugno». Infine la questione della doppia cittadinanza, in merito alla quale Conte sottolinea di aver rappresentato a Kurz la «chiara posizione del governo italiano». Capitolo delicato sul quale è in atto uno scontro tra i due paesi per la doppia cittadinanza offerta dall’Austria agli italiani altoatesini. L’Italia ha manifestato una netta contrarietà sia a livello di esponenti dell’esecutivo che delle istituzioni. Tensioni alle quali Kurz ha risposto che tutto sarà fatto «in accordo con Roma».