20 giugno 2021
Aggiornato 19:00
Governo

Di Maio al Colle: contratto da sottoscrivere con Lega o Pd, presto incontro con Salvini e Martina

Solo dopo gli incontri dei prossimi giorni, il Movimento Cinque Stelle capirà con quale forza politica ci saranno più affinità

ROMA - «Abbiamo detto al Capo dello Stato che sentiamo tutta la responsabilità di essere la prima forza politica del Paese». Luigi Di Maio si rivolge ai giornalisti al termine delle consultazioni con Sergio Mattarella, e sintetizza così il contenuto della conversazione con la prima carica dello Stato. L'intenzione è quella di «lavorare per assicurare una maggioranza per un governo del cambiamento che guardi al futuro», un governo che porti avanti gli impegni presi con gli italiani il 4 marzo. 

Politica estera
«Come ho ribadito durante tutta la campagna elettorale, siamo una forza politica che ha ottenuto 11 milioni di voti circa, su una posizione ben precisa, che abbiamo ribadito al Presidente della Repubblica, anche sulla politica estera». «Ho sempre detto che, con noi al governo, l'Italia rimarrà alleata dell'Occidente, nel Patto Atlantico, nell'Unione europea e monetaria», ribadisce Luigi Di Maio, quasi in risposta alle preoccupazioni espresse dal reggente del Partito Democratico Maurizio Martina.

Contratto alla tedesca
Quanto alla responsabilità di dare un governo al Paese, Di Maio ha specificato: «abbiamo interloquito con tutti e non abbiamo posto veti a nessuno».Un dialogo iniziato il 5 marzo, e basato sui temi. «Poi ci siamo fatti un'idea di quali potessero essere gli interlocutori per creare un Governo del cambiamento che guardi al futuro". Al Governo, che deve essere di cambiamento, deve andarci chi è legittimato dal popolo: «Sono stati bocciati i governissimi, i governi tecnici e i governi di scopo». E al centro, devono essere non i giochi di palazzo, ma i problemi degli italiani. Ecco perché la proposta dei Cinque Stelle è un contratto di governo su modello tedesco. E il dialogo, ha ribadito Di Maio, sarà con coloro che vogliono fare le cose, indipendentemente dalle ideologie di destra o sinistra di appartenenza. Da sottoscrivere, temi, tempi e procedure. Dopo l'interlocuzione di questi giorni, il Movimento Cinque Stelle può sottoscrivere tale contratto - ha detto Di Maio - o con la Lega, o con il Partito Democratico: due soluzioni alternative. Per questo, Di Maio chiederà subito un incontro con Matteo Salvini e Maurizio Martina per provare a strutturare questo contratto: solo in seguito, si capirà con quale delle due forze politiche ci saranno più affinità.