26 gennaio 2020
Aggiornato 19:00
Partito democratico

Orlando apre a Grasso e su Renzi «centrosinistra guardi oltre»

Il ministro di Giustizia: «Non bastano i leader, da qui alle prossime ore dobbiamo mettere in campo una proposta sui temi sociali»

FIRENZE - Chi comandi veramente nell'area di Liberi e Uguali «è una querelle che mi appassiona abbastanza poco. Quello che mi interessa è Grasso o D'Alema se si mantiene una prospettiva unitaria oppure no». Così il ministro della Giustizia, Andrea Orlando, ha risposto ai giornalisti, a margine di un convegno a Firenze. «Chi, poi -ha aggiunto- in un partito comanda è una vicenda di quel partito non è un elemento su cui noi dobbiamo fare della speculazione».

Centrosinistra guardi oltre Renzi
La leadership di Matteo Renzi non può bastare al Pd perché si è entrati in una fase in cui «non bastano i leader»ha detto il ministro della Giustizia a 'Faccia a faccia' su La7. «No, perché adesso non bastano i leader, da qui alle prossime ore dobbiamo mettere in campo una proposta sui temi sociali: come si ricostruisce un rapporto con quelli che non vanno a votare, ancor prima di quelli che vanno a votare 5 stelle o si spostano a destra». Anche nella composizione delle liste elettorali bisognerà tenere conto che «non c'è un problema di tutelare la minoranza interna, c'è il problema di far sì che il Pd non diventi il partito soltanto di Renzi». Renzi è il leader Pd legittimato dalle primarie e nessuno chiede un passo indietro, ma la coalizione di centrosinistra va costruita «attorno a un'altra figura» ha proseguito Orlando. «Renzi l'hanno scelto gli elettori - ha precisato - mai parlato di passi indietro: presupporrebbe il fatto che si smentisse le tante persone che hanno votato Renzi». D'altro canto, «in un sistema in cui il presidente del Consiglio non sarà il capo di uno dei partiti che hanno vinto le elezioni, credo sia ragionevole tenere conto del fatto che una coalizione si dovrà costruire attorno a un'altra figura. Quindi, se (Renzi, ndr) indicasse un'ipotesi sarebbe una cosa sulla quale ragionare».