20 gennaio 2022
Aggiornato 20:00
Nella eNews del premier l'appello ai cittadini

Renzi: Gli italiani pensano che le tasse siano aumentate, dove ho sbagliato?

I cittadini ignorano i risultati eccellenti del Governo sul taglio del fisco. Qualcosa non va, dice il premier, che, nella sua eNews, lancia un appello ai cittadini affinché gli evidenzino dov'è che avrebbe sbagliato

ROMA «Tutti gli indicatori dicono che i cittadini non stanno notando nessuna discesa delle tasse. Eppure c'è». È il presidente del Consiglio Matteo Renzi a scriverlo nella sua eNews: il bollettino da Palazzo Chigi che assiduamente il premier compila meticolosamente stilando i passi avanti del Governo. L'eNews 427 del 16 maggio si districa tra il successo della legge sulle unioni civili e le considerazioni sul referendum, toccando, tra le altre cose, anche il nodo sempre delicato del fisco.

I cittadini ignorano, gli addetti ai lavori sanno
Uscito dalla Messa, dice il premier, l'amico commercialista si è detto particolarmente soddisfatto per i risultati del Governo in merito al taglio dell'Irap: «Ho fatto vedere a alcuni clienti quanto risparmiano di Irap quest'anno. Non ci credevano!», dice l'amico Gilberto. E effettivamente non ci credevano, scrive Renzi in risposta, «forse neanche adesso ci credono, purtroppo». Il cruccio del premier è che i cittadini non si rendono conto del grosso lavoro portato avanti dal Governo Renzi in fatto di tagli al fisco. Se non è evidente per i cittadini, però, lo è per gli addetti ai lavori, spiega il premier.

Che cosa ha fatto il Governo
«Nessun Governo ha fatto quanto noi sulle tasse», chiosa Matteo, e giù ad elencare i passi avanti: via l’Irap costo del lavoro; via anche l’Imu e la Tasi sulla prima casa; «i mitici 80 euro che tutti deridono ma che, alla fine dell’anno, sono 960 euro», dice Renzi; e ancora il governo ha pensato al credito di imposta al Sud e «il super-ammortamento al 140%» per chi mette soldi in azienda anziché in tasca; gli incentivi per chi assume; via anche l’Imu e l’Irap agricola; e ancora il canone Rai che passa da 113 euro a 100 euro e le tasse locali che per legge non possono più aumentare.

Qualcosa non va
Un elenco corposo, ma schematico, intenzionalmente veloce, servito su un piatto d'argento per rinfrescare la memoria agli italiani distratti e lamentosi che non vedono quanto bene sta facendo il fiorentino in qul di Palazzo Chigi. Nonostante ciò  – nonostante «tutto questo», dice –, gli italiani pensano che le tasse siano aumentate, dice Renzi. «C’è qualcosa che non funziona, che dite?». Poi l'appello ai suoi fidi lettori: «Sapete che mi fido molto di chi riceve e segue le enews: mi aiutate a capire dove ho sbagliato?». L'indirizzo email - ricorda il premier - è sempre lo stesso: matteo@governo.it.