5 giugno 2020
Aggiornato 15:00
Il caso

Marò, rinviata a mercoledì la decisione su Latorre

La Corte Suprema indiana ha trasferito la richiesta presentata dai legali di Massimiliano Latorre per una proroga della sua permanenza in Italia ad un altro Tribunale. Salvatore Girone resta a Nuova Delhi.

NEW DELHI - La Corte Suprema indiana ha trasferito la richiesta presentata dai legali di Massimiliano Latorre per una proroga della sua permanenza in Italia ad un altro Tribunale, che dovrebbe pronunciarsi mercoledì: è quanto pubblica il sito indiano Jagram Post.

La Corte Suprema ha infatti ritenuto di non potersi pronunciare in quanto ha già espresso in precedenza la proprie considerazioni in merito ad un'identica richiesta.

A seguito del malore, lo scorso 12 settembre, la Corte suprema indiana aveva accettato la richiesta di Latorre di essere trasferito in Italia per quattro mesi di convalescenza, che scadono oggi. Ma l'intervento chirurgico al cuore dei giorni scorsi impedisce al Fuciliere di Marina di tornare in India nei tempi stabiliti.

A Nuova Delhi resta ancora Salvatore Girone, che con Latorre è accusato dalle autorità locali dell'uccisione di due pescatori del Kerala durante un'attività antipirateria. La sua richiesta di trascorrere le festività natalizie con la famiglia in Italia non è stata accettata dalla Corte.

Sostieni DiariodelWeb.it

Caro lettore, se apprezzi il nostro lavoro e se ci segui tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento straordinario. Grazie!

PayPal