23 ottobre 2019
Aggiornato 11:30
Vertice Governo-Regioni

Renzi alle Regioni: «Siate seri sui costi standard»

E' da poco terminato l'incontro che il Premier aveva indetto per questa mattina, a Palazzo Chigi, per un confronto con gli enti locali, dopo le solevazioni dei Governatori in relazione alla Legge di Stabilità. Al centro del vertice i tagli previsti dal ddl, che, solo per il 2015, per le Regioni, arrivano a 4 miliardi. Intanto in un tweet scrive: «Tagliamo gli sprechi, non i servizi».

ROMA - Solo la scorsa settimana, il giorno dopo che il Consiglio dei Ministri aveva approvato la Legge di Stabilità, la Conferenza delle Regioni guidata da Sergio Chiamparino la bocciava. I Governatori ritengono, infatti, che il ddl Stabilità vada a ledere i fondi regionali e i tagli alle tasse tanto sbandierati dal presidente del Consiglio, Matteo Renzi, comporterebbero l'aumento di ticket e tasse regionali, con conseguente amputazione dei servizi.

IL CONFRONTO A PALAZZO CHIGI - E' da poco terminato l'incontro che il premier aveva indetto per questa mattina, a Palazzo Chigi, per un confronto con gli enti locali. Al centro del vertice i tagli previsti dalla legge di stabilità, che, solo per il 2015, per le Regioni, arrivano a 4 miliardi (6,2 se si sommano a quelli del Governo Letta). All'incontro hanno partecipato anche il sottosegretario alla presidenza del Consiglio, Graziano Delrio, il ministro per gli Affari regionali, Maria Carmela Lanzetta, e il sottosegretario agli Affari regionali Gianclaudio Bressa. Alla fine dell'incontro, in un tweet, il premier scrive: «Incontrate le Regioni. Tagliamo sprechi, non servizi. La sfida è la trasparenza totale online di tutte le spese».

RENZI: ACCETTO PROPOSTE DA REGIONI, MA 4MLD RESTANO - «Non c'è spazio per una mediazione, i miliardi sono quattro. Da qui due strade: o lo scontro o ci sono proposte alternative su cui si lavora in queste ore». Queste le parole del premier, Matteo Renzi, nella Sala Verde di Palazzo Chigi. E continua, ancora, il presidente del Consiglio: «Sui costi standard, se voi ci siete, io ci sono. [...] Noi interveniamo solo ex post se le cose non vanno. Se avete una risposta seria, rigorosa, noi ci siamo»

IL LODO CHIAMPARINO - Entro una settimana, le Regioni presenteranno il «lodo Chiamparino» al Governo, cioè una proposta che miri, in un tempo breve, a concepire un lavoro congiunto per rendere sostenibile la Legge di Stabilità in termini di quantità e qualità dei servizi e della fiscalità. Quello che le Regioni chiedono al Governo è di evitare che i tagli alle tasse abbiano ricadute importanti sulle finanze regionali: «Rispettare i saldi non significa che questi siano fatti solo di tagli», ha affermato il presidente della Conferenza delle Regioni, Sergio Chiamparino.