19 novembre 2019
Aggiornato 05:30
Roma

Presunta aggressione ai danni di una coppia gay

La rende noto il portavoce del Gay Center, Fabrizio Marrazzo, spiegando che «venerdì scorso un giovane attivista dell'associazione Luiss Arcobaleno e il suo ragazzo sono stati aggrediti nei pressi di ponte Garibaldi»

ROMA - Presunta aggressione a Roma ai danni di una coppia gay. La rende noto il portavoce del Gay Center, Fabrizio Marrazzo, spiegando che «venerdì scorso un giovane attivista dell'associazione Luiss Arcobaleno e il suo ragazzo sono stati aggrediti nei pressi di ponte Garibaldi. Sono stati colpiti da due persone, probabilmente di nazionalità russa, a colpi di calci e pugni. I giovani hanno riportato rispettivamente la frattura del naso con una prognosi di 25 giorni, mentre il compagno ha avuto due punti al labbro e 10 giorni di prognosi.
Siamo vicini ai ragazzi aggrediti e agli attivisti della Luiss Arcobaleno. Ci preoccupa la dinamica dei fatti, l'inseguimento da parte degli aggressori e il ritardo nei soccorsi»
.

FARE PIENA LUCE - Per Marrazzo «è un attacco gravissimo, che colpisce tutti. Abbiamo offerto all'associazione Luiss Arcobaleno la nostra piena collaborazione e il nostro supporto per l'assistenza legale dei due ragazzi che hanno subito questo gravissimo attacco omofobo. Ci attiveremo inoltre presso l'Oscad, l'osservatorio congiunto di polizia e carabinieri contro le discriminazioni per fare piena luce e individuare al più presto i responsabili. Qualora gli aggressori fossero russi questo sarebbe un ennesimo campanello d'allarme di come la crescente omofobia russa con le leggi anti gay approvate da Putin sia pericolosa».