29 novembre 2022
Aggiornato 12:30
Meeting di Rimini

Napolitano: «Basta assuefazioni nella lotta all'evasione»

Il Presidente della Repubblica: «E' una stortura divenuta intollerabile». Belisario (Idv): «Bene Napolitano, noi siamo pronti. E il governo?»

RIMINI - Al di là del tema attuale legato alla manovra in discussione in Parlamento, occorre «colpire» con decisione l'evasione fiscale «senza esitare a ricorrere ad alcuno dei mezzi di accertamento e di intervento possibili» perché è diventata una «stortura intollerabile» e occorre interrompere le «assuefazioni e debolezze» portate avanti finora. Lo ha detto il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, al Meeting di Cl a Rimini.

Belisario (Idv): «Bene Napolitano, noi siamo pronti. E il governo?» - «Il Presidente Napolitano ha richiamato le forze politiche all'assunzione delle proprie responsabilità e la maggioranza non può sottrarsi da un confronto costruttivo con l'opposizione». Lo afferma il capogruppo dell'Idv al Senato, Felice Belisario.
«Siamo stanchi delle rassicurazioni di facciata e delle imposizioni di comodo, chiediamo che vengano discusse le nostre proposte per inserire nella manovra l'eliminazione di sprechi e privilegi, invece di colpire sempre chi è più in difficoltà - continua Belisario sul suo blog - Il Capo dello Stato ha tracciato la rotta per l'azione del Parlamento e noi siamo pronti: ma il Governo? Lo aspettiamo alla prova dei fatti, questa manovra va cambiata e serve un intervento rigoroso e strutturale per ridurre i costi della politica e combattere l'evasione, altrimenti non ci potrà essere nessun risanamento e saranno i cittadini a pagarne le conseguenze. È in gioco il futuro del Paese - conclude Belisario - ed è tempo di passare all'azione».