7 dicembre 2019
Aggiornato 22:30
Il Ministro leghista «rettifica»

Calderoli: Insensato spostare la Presidenza della Repubblica

«Incomprensione con il Corriere della Sera, mi scuso con Napolitano»

ROMA - Roberto Calderoli smentisce di pensare allo spostamento della Presidenza della Repubblica:«Riguardo all'intervista pubblicata oggi dal Corriere della sera - dichiara il ministro in una nota - intendo precisare che a seguito di un'incomprensione telefonica con il giornalista che mi ha intervistato la mia frase 'non voglio spostare da Roma la presidenza della Repubblica' è stata erroneamente tradotta in 'voglio spostarla. Un fraintendimento che ha poi portato anche ad un conseguente titolo errato ovvero Voglio spostare anche il Colle', sempre frutto della suddetta incomprensione».

«MI SCUSO CON NAPOLITANO» - «E' di tutta evidenza che la presidenza della Repubblica non possa che essere e restare nella Capitale del Paese e quindi mi scuso anche con il presidente Giorgio Napolitano per averlo involontariamente coinvolto nel decentramento amministrativo che è al nostro esame: non vi era né l'intenzione di farlo e non vi è neanche l'intenzione di poterlo fare e tra l'altro sarebbe pure insensato», conclude.