19 marzo 2019
Aggiornato 01:00
criptomonete

Quattro criptomonete da regalare a Natale. A proposito, saranno il «nuovo» Bitcoin?

Continua il fermento su Bitcoin. Ma è solo una delle migliaia di criptomonete lanciate. Esistono delle valide alternative alla madre di tutte le monete virtuali

Quattro criptomonete da regalare a Natale
Quattro criptomonete da regalare a Natale Shutterstock

MILANO - Bitcoin, una parola che ormai sta diventando di uso comune. La sentiamo al telegiornale all'ora di pranzo, sull'approfondimento serale nel programma d'inchiesta, al bar, condita di fantomatici guadagni milionari o denigrata come la "truffa" di questo decennio. Bitcoin appunto, solo una delle tante criptomonete offerte da questo mercato ancora poco conosciuto, che però è ormai entrato a far parte dell'economia mondiale, che ha smosso l'attenzione dell'alta finanza, paragonata alle più grandi bolle speculative mai esistite. E ne ha tutte le caratteristiche, un grande innalzamento di prezzo che non ha basi fondate su un controvalore reale, con fortissime oscillazioni basate principalmente su word of mouth.

Solo una fra migliaia
Come detto, Bitcoin però è solo una delle 1370 monete, quotate su Coinmarketcap, una delle più grandi piattaforme che tracciano l'andamento delle criptomonete, per un valore totale di mercato che ha ormai superato abbondantemente i 600.000.000.000 dollari. Sono molti i pareri riguardo quanto Bitcoin possa realmente continuare ad apprezzarsi. Mentre scriviamo il valore si sta assestando intorno ai 18.000 dollari per Bitcoin. Dopo un picco raggiunto di 20.000 dollari, sembra che in questo periodo ci sia un momento di maggiore stabilità. I pareri riguardo all'andamento sono i più disparati e quasi sempre poco fondati. Si passa dal totale azzeramento del suo valore perché considerata una bolla speculativa fino ad suo apprezzamento tale da raggiungere il valore dei 1.000.000 dollari per Bitcoin, secondo quanto dichiarato da John McAffe. Certamente se dovesse esserci la reale possibilità di poter pagare sui principali ecommerce mondiali con Bitcoin come annunciato dalla stessa EBAY stando a Yahoo Finance (il colosso americano starebbe "seriamente considerando" di accettare la moneta virtuale come pagamento), ci sarebbero dei nuovi sviluppi per l'andamento del prezzo che comunque non sarebbero prevedibili ad oggi.

Le altre cryptomonete
Assodato che la capitalizzazione di Bitcoin e le sue oscillazioni sono molto alte e promettono grandi sorprese ma ben poche aspettative, ci siamo chiesti, vista la marea di cryptomonete lanciate sul mercato, quale sarà il prossimo Bitcoin? E, ci sarà un prossimo Bitcoin? Abbiamo deciso di scegliere 4 delle monete che per progetto, struttura, capitalizzazione e interesse ha senso segnare nel proprio taccuino alla voce "da tenere d'occhio".

Litecoin (LTC)

Valutazione di mercato al 20 dicembre: 18,05 miliardi di dollari

Andamento nel 2017: +9000% circa

TEAM: Ex Google GOOGL & Charlie Lee

Litecoin sta a Bitcoin come l'argento sta all'oro. Creato da Lee nel 2011, viene considerato come alternativa al Bitcoin. Lee mirava essenzialmente a ridurre il tempo necessario per confermare nuove transazioni e modificare il modo in cui veniva minato Bitcoin per garantire la partecipazione di chiunque. «La mia visione è che le persone userebbero Litecoin ogni giorno per comprare le cose. Sarebbe solo il metodo di pagamento scelto». Litecoin inoltre è stato progettato per "produrre" più monete - ha un limite di 84 milioni di monete, rispetto ai 21 milioni di Bitcoin. Attualmente sono in circolazione circa 54 milioni di monete contro gli attuali 16,7 milioni di Bitcoin. Nell'ultimo mese, essendo anche favorito dalla presenza sui principali wallet "commerciali" ed essendo molto utilizzato per i passaggi da Bitcoin a FIAT, ha visto crescere il proprio valore da 40 euro a 300 euro, proprio in concomitanza dell'aumento del valore di Bitcoin. Questa moneta va controllata proprio quando ci sono grossi scambi sulle altre monete principali (Bitcoin, BitcoinCash) in quanto essendo più leggera e veloce viene utilizzata per ridurre i tempi di scambio. Possibile nuovo Bitcoin? Litecoin ha la struttura per diventarlo, ma dal mercato viene vista solo come una moneta di passaggio.

Bitcoincash

Valutazione di mercato al 20 dicembre: 57,9 miliardi di dollari

Andamento nel 2017: +900% circa (Fork 1 Agosto)

TEAM: Fork dalla blockchain principale di Bitcoin - sviluppatori indipendenti

Dal fork del primo agosto 2017, Bitcoincash ha avuto una crescita importante. Considerato da molti esperti come "il vero Bitcoin" per via degli innumerevoli FORK subiti dal Bitcoin originale. Anche se "cresciuta" dieci volte meno di Litecoin, BCH ha una capitalizzazione davvero importante, che si avvicina ai 60 miliardi, molto più grande di diverse multinazionali che conosciamo bene. Bitcoin Cash è stato creato perché alcuni sviluppatori volevano risolvere il problema delle elevate fee di transazione e i lunghi tempi di validazione a cui deve sottostare Bitcoin. Poiché BitcoinCash ha un limite di dimensione del blocco maggiore, i suoi creatori dicono che la criptocurrency ha più capacità di gestire le transazioni con commissioni più basse e conferme più veloci. Dall'altro lato di questo ragionamento, però, ci sono i puristi Bitcoin che credono che l'aumento delle dimensioni dei blocchi metta in pericolo la natura decentralizzata della moneta. La divisione filosofica tra Bitcoin e Bitcoin Cash è stata giustamente descritta da Forbes come "Cypherpunk Vs. Silicon Valley». La sfida più grande che Bitcoin Cash deve affrontare in questo momento è l'adozione: per avere valore, deve convincere le aziende sia ad accettare pagamento in cryptovalute che utilizzare la rete di pagamento "rivale" a quella più conosciuta. Deve inoltre convincere i minatori a partecipare al processo di compensazione delle transazioni. Ieri notte (19 dicembre 2017) Coinbase ha annunciato di accettare sulla propria piattaforma transazioni in BitcoinCash, il risultato è stato un aumento del valore di Bitcoincash del 45% circa.  Possibile nuovo Bitcoin? A detto di molti, Bitcoincash è già Bitcoin, o almeno, quello che ne è rimasto dopo i vari Fork. Sicuramente seguire l'andamento della fine di questo 2017 potrà darci maggiori informazioni.

Monero (XMR)

Valutazione di mercato al 20 dicembre: 6,9 miliardi di dollari

Andamento nel 2017: +3500% circa

TEAM: Come bitcoin, il creatore di Monero è anonimo

Il fascino di Monero? Anonimato. Con Monero, i dettagli di ogni transazione, incluso il mittente, il destinatario e le dimensioni, sono registrati in un libro mastro pubblico, ma sono offuscati per renderli a quanto risulta non rintracciabili. Con l’uso di Monero, in teoria, non c'è modo per chiunque altro di collegare i punti tra il mittente, il destinatario o la dimensione della transazione. Sembra una moneta attraente per i criminali informatici? Lo è. Gli hacker dietro l'incidente globale di ransomware WannaCry, hanno chiesto i pagamenti a Monero. Detto questo, ci sono molti altri casi registrati di hacker che richiedono Bitcoin, e i sostenitori di Monero dicono che i casi di uso più grande della moneta non sono illegali. Monero ha recentemente detto che 45 musicisti, tra cui Lana Del Ray, Sia e Dolly Parton, sarebbero pronti ad accettare Monero. Monero non ha una fornitura di moneta fissa, il codice non pone un limite al numero di monete emittibili. Possibile nuovo Bitcoin? In questo caso, l’aspetto sulla privacy è importante, sicuramente io avrei voglia di utilizzare un metodo di pagamento che non permetta a nessuno di sapere quanto e quali soldi sposto, sono miei. Ma sono pronto ad accettare di non sapere gli spostamenti di tutti gli altri?

Ethereum (ETH)

Valutazione di mercato al 20 dicembre: 80,0 miliardi di dollari

Andamento nel 2017: +10000% circa

TEAM: Vitalik Buterin, Gavin Wood, Jeffrey Wilcke, heikoheiko, e altri

Ethereum è la piattaforma software decentralizzata che consente di creare smart contracts e applicazioni distribuite. Gli Smart Contract sono protocolli per computer che facilitano, verificano, o fanno rispettare la negoziazione o l’esecuzione di un contratto, o che evitano il bisogno di una clausola contrattuale. Un’altra specialità di Ethereum è che non è solo una piattaforma software ma anche un linguaggio di programmazione per la blockchain che aiuta gli sviluppatori a creare e pubblicare applicazioni distribuite. Ethereum esegue gli smart contracts utilizzando un asset criptato chiamato Ether. La grande fortuna di Ethereum è collegata al fenomeno delle ICO, che utilizzano proprio gli smart contract per creare e distribuire i Token su cui basano la loro raccolta di finanziamento. Ethereum è inoltre la seconda moneta per capitalizzazione, subito dopo Bitcoin ed è sicuramente quella che sente meno l'influenza della regina delle cryptomonete, lavorando non solo su scambi di moneta ma su creazione di valore per startup tramite le tanto famigerate Initial Coin Offering. Possibile nuovo Bitcoin? Di una cosa siamo sicuri, Ethereum è già Ethereum e non dovrebbe puntare ad essere il nuovo Bitcoin.

L’anno della «regolazione»?
Detto questo, se non altro a livello mediatico e di comunicazione di massa, è molto difficile che un’altra moneta virtuale possa fare quanto fatto da Bitcoin fino a oggi. E’, infatti, sulla madre delle monete virtuali che si concentra la maggior attenzione, anche da parte delle autorità e del legislatore, nel più o meno vano tentativo di regolare il fenomeno. Solo pochi giorni fa la Francia, sotto indicazione del ministro delle Finanze Bruno Le Maire, ha annunciato di voler portare Bitcoin al prossimo G20, previsto per il mese di aprile. Divergenti i vari punti di vista degli altri governi europei, da quello tedesco che ha messo in guardia i consumatori, a quello danese che ha riversato tutte le responsabilità in capo ai risparmiatori. Il 2018 sarà sicuramente l’anno in cui al legislatore toccherà pronunciarsi in merito. Su Bitcoin. E le altre cryptovalute seguiranno.