15 novembre 2019
Aggiornato 19:30
Cambiamenti climatici

Il riscladamento globale è responsabile di tutto

Nonostante il riscaldamento in atto è probabile che si verifichino anche ondate di freddo estremo più numerose che in passato. In un altro studio pubblicato su Nature si sostiene che la glaciazione in Antartide è stata causata dalla diminuzione di CO2 atmosferico.

NEW YORK - Se la stragrande maggioranza degli scienziati è d'accordo sull'innalzamento globale della temperatura, non esiste ancora un consenso sulla effettiva variabilità associata al riscaldamento, come ad esempio la frequenza degli eventi meteorologici estremi.
Come spiega il sito di Science Daily, uno studio della statunitense Northeastern University sembra tuttavia indicare che la variabilità è in aumento, così come la temperatura media globale: il che significa che nonostante il riscaldamento in atto è probabile che si verifichino anche ondate di freddo estremo più numerose che in passato.

Glaciazione Antartide causata da diminuzione CO2 atmosferico - La glaciazione del continente antartico - avvenuta circa 34 milioni di anni fa - non sarebbe stata causata dalla deriva dai continenti, ma dalla diminuzione della concentrazione di CO2 atmosferico: è quanto risulta da uno studio della statunitense University of New Hampshire, pubblicato dalla rivista scientifica Nature.
Come spiega il sito di Science Daily, la teoria prevalente fino ad ora era la separazione dell'Australia dall'Antartide che aveva isolato quest'ultima dalle correnti tropicali, innescando un cambiamento nella temperatura oceanica che aveva dato il via alla glaciazione.
Resta ancora da accertare tuttavia che cosa abbia causato la brusca diminuzione dell'anidride carbonica nell'atmosfera; in parte, potrebbe essere spiegata dalla stessa deriva dei continenti e dall'alterazione delle correnti oceaniche, che avrebbe finito per intrappolare nel fondo marino vasti sedimenti organici ricchi di carbonio.