16 giugno 2019
Aggiornato 14:30
Crisi coreana

Nord Corea, gli Usa all'ONU: «Ora il mondo è più vicino alla guerra»

Dopo il lancio di un altro missile balistico da parte del regime nordcoreano, Nikki Haley, l'ambasciatrice americana presso l'Onu, ha lanciato un monito

NEW YORK - «Adesso il mondo è più vicino alla guerra». Parola di Nikki Haley ambasciatrice americana presso l'Onu. In seguito all'ultimo lancio di un missile balistico intercontinentale da parte della Corea del Nord gli Stati Uniti hanno minacciato di distruggere totalmente il regime se scoppierà un conflitto contro lo Stato guidato da un «povero pazzo», come Donald Trump ha definito il leader di Pyongyang Kim Jong-Un. Gli Stati Uniti hanno chiesto di rendere l'isolamento della Corea del Nord totale, includendo tra i tagli anche le forniture di greggio dalla Cina.

Il mondo è più vicino alla guerra
«Il dittatore della Corea del Nord ha fatto una scelta ieri che porta il mondo più vicino alla guerra, non più lontano. Se la guerra scoppierà non ci saranno errori: il regime nordocoreano verrà completamente distrutto", ha dichiarato Nikki Haley nel corso della riunione di emergenza del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite. «Abbiamo bisogno che la Cina faccia di più. Il presidente Trump ha chiamato Xi e lo ha invitato a tagliare le forniture di petrolio verso Pyongyang. Sarebbe un passo decisivo negli sforzi mondiali per fermare questo reietto internazionale». Il Consiglio di sicurezza si è riunito su richiesta degli Stati Uniti, del Giappone e della Corea del Sud per considerare ulteriori sanzioni contro il regime di Pyongyang.