22 aprile 2019
Aggiornato 11:30
40 cadaveri

Isis, scoperta una nuova fossa comune vicino Mosul

A circa dieci chilometri a sud di Mosul, le forze irachene hanno scoperto una fossa comune contenente i corpi di 40 persone, che stando al racconto dei testimoni sono state portate sul luogo con i pickup dai terroristi islamici

MOSUL - Le forze irachene hanno rinvenuto un'altra fossa comune, contenente i resti delle vittime dell'Isis, nei pressi di Mosul.

La scoperta di una fossa comune
La fossa si trova in un sito riconquistato di recente dalle forze d'elite irachene lungo una strada sterrata fuori dal villaggio di Tall Adh-Dhahab, situato circa 10 chilometri a Sud di Mosul. Si vedono frammenti ossei sparsi sul posto, insieme a resti di indumenti e a diversi bossoli. «La maggior parte delle vittime erano membri delle forze di sicurezza, dell'esercito e della polizia», ha spiegato il luogotenente Yahya Jumma.

Circa quaranta morti
«Li hanno portati con i pickup, erano circa 40 persone secondo i testimoni che li hanno visti. Certamente è una fossa comune - ha aggiunto - perchè un pastore ha assistito a tutta la scena. Le vittime son state portate fin qui e qui sono state giustiziate». Le forze irachene hanno già scoperto diverse fosse comuni nei territori strappati all'Isis: la scorsa settimana ne è stata rinvenuta una nella città di Hamam al-Alil che potrebbe contenere circa 300 corpi.