9 dicembre 2022
Aggiornato 03:30
Guerra Russia-Ucraina

Mosca accusa l'Ucraina di aver giustiziato 10 soldati russi disarmati

Rabbia della Russia dopo video dell'esecuzione di massa: «La brutale uccisione di prigionieri di guerra russi è una pratica comune nelle formazioni armate ucraine, ignorata a bruciapelo dall'Occidente»

Video YouTube

MOSCA - L'esercito ucraino ha deliberatamente ucciso più di dieci militari russi catturati, sparando loro alla testa a bruciapelo: un crimine, ha denunciato il ministero della Difesa russo, che nessuno può presentare come una «tragica eccezione».

«L'uccisione intenzionale e metodica di più di dieci militari russi immobilizzati da parte delle forze armate ucraine degenerata con colpi alla testa a bruciapelo non può essere presentata come una 'tragica eccezione' sullo sfondo della presunta osservanza generale dei diritti dei prigionieri di guerra da parte del regime di Kiev», ha affermato il ministero in una nota.

La dichiarazione ha affermato inoltre che «la nuova prova video pubblicata del massacro di massa di prigionieri di guerra russi disarmati da parte di soldati ucraini conferma l'essenza selvaggia dell'attuale regime di Kiev guidato dal [presidente ucraino Volodymyr] Zelensky e da coloro che lo proteggono e lo sostengono».

La brutale uccisione di prigionieri di guerra russi è una pratica comune nelle formazioni armate ucraine, ignorata a bruciapelo dall'Occidente, ha aggiunto il ministero della Difesa russo.

«Zelensky e i suoi scagnozzi dovranno rispondere davanti al tribunale della storia e davanti ai popoli di Russia e Ucraina per ogni prigioniero di guerra russo torturato e ucciso», ha aggiunto il ministero. Il comitato investigativo russo ha aperto oggi un'indagine penale sull'esecuzione di prigionieri di guerra russi da parte dell'esercito ucraino.

«Gli organi investigativi militari del Comitato investigativo russo hanno avviato un procedimento penale contro le formazioni armate ucraine con l'accusa di 'omicidio di due o più persone commesso da un gruppo di persone in relazione alle loro attività ufficiali' ai sensi del comma 2 dell'articolo 105, come così come il «trattamento disumano dei prigionieri di guerra, l'uso di mezzi e metodi proibiti in un conflitto armato» ai sensi del comma 1 dell'articolo 356 del codice penale russo», ha affermato il comitato su Telegram.

Gli inquirenti militari russi stanno anche adottando misure per identificare le persone che hanno girato il filmato dell'esecuzione, ha aggiunto.

(con fonte Askanews)