24 maggio 2022
Aggiornato 00:30
Analisi della CNN

La Russia verso un controllo del web alla cinese?

Sul paese rischia di calare una nuova cortina di ferro digitale e il mondo del web russo, nella tempesta della guerra ucraina, potrebbe cominciare ad assomigliare sempre di più a quello cinese

La Russia verso un controllo del web alla cinese?
La Russia verso un controllo del web alla cinese? Foto: Pixabay

Sulla Russia - secondo un'analisi della Cnn - rischia di calare una nuova cortina di ferro digitale e il mondo del web russo, nella tempesta della guerra ucraina, potrebbe cominciare ad assomigliare sempre di più a quello - censorio e amputato - che conosciamo in Cina. L'unico dubbio, osservano diversi esperti, è che mentre la Cina ha un sistema di controllo del web molto avanzato e sofisticato (il famigerato Great Firewall) la Russia non dispone di mezzi di censura digitale altrettanto efficaci. E in ogni caso la popolazione russa ha un legame profondamente diverso col mondo web di quella cinese.

I cittadini russi, a differenza delle loro controparti cinesi - osserva l'analisi - sinora hanno potuto accedere a piattaforme tecnologiche statunitensi come Facebook, Twitter e Google, anche se con qualche limite. Ma ora i flussi in uscita potrebbero essere almeno ridotti, dopo che la statunitense Cogent, uno dei maggiori fornitori di servizi Internet, ha iniziato a tagliare fuori gli operatori russi in seguito all'introduzione delle sanzioni per l'invasione russa dell'Ucraina. La mossa non significa che la Russia non ha accesso a Internet, ma significa che un importante canale di traffico è sparito.

La guerra e i bombardamenti su Kiev, con le conseguenze militari e diplomatiche che negli ultimi giorni hanno sempre più isolato la Federazione russa, potrebbero rivelarsi per più motivi anche una campana a morto per la presenza russa nel web mondiale.

Dal primo marzo 2022, a seguito delle sanzioni dall'Unione Europea, i profili del canale russo in inglese RT sono stati bloccati nei territori UE, insieme con quelli dell'altro emittente russo Sputnik, poichè considerati propaganda russa. Venerdì, mentre le sanzioni alla Russia si sono inasprite e i combattimenti in Ucraina hanno continuato a intensificarsi, il governo russo ha dichiarato di aver deciso di bloccare Facebook, citando le mosse del social network negli ultimi giorni per imporre restrizioni ai media controllati dalla Russia.

Sebbene Facebook non sia la piattaforma più grande del paese, bloccarla potrebbe essere una mossa simbolica per indicare che il governo del presidente Vladimir Putin è pronto a colpire i grandi brand globali del digitale se non seguono la linea del governo. (Instagram e WhatsApp, che sono più popolari in Russia e sempre di proprietà della società madre di Facebook Meta, non sono stati ancora bloccati).

La principale agenzia di controllo delle telecomunicazioni del paese, Rozkomnadzor, sta già esercitando pressioni su Google per ciò che definisce informazioni 'false' e, secondo quanto riferito, ha limitato anche Twitter. Altre piattaforme stanno scegliendo di interrompere le operazioni da sole. Essere tagliati fuori dalla Russia potrebbe non rappresentare una minaccia esistenziale per le piattaforme tecnologiche occidentali, alcune delle quali contano miliardi di spettatori. Ma queste mosse hanno importanti implicazioni per la capacità dei russi di accedere alle informazioni e di esprimerle. Molti dei recenti limiti della Russia alle piattaforme tecnologiche occidentali derivano da una legge su internet promulgata da Mosca nel 2019 che consente a Roskomnadzor di controllare più strettamente l'accesso a Internet nel paese e potenzialmente interrompere del tutto i suoi legami online con il resto del mondo.

Una legge approvata venerdì dal governo Putin accresce ulteriormente l'ostilità verso i servizi occidentali, rendendo un crimine diffondere informazioni 'false' sull'invasione dell'Ucraina, con una pena fino a 15 anni di carcere, secondo il Comitato per la protezione giornalisti. La legge ha spinto diversi organi di stampa, inclusa la CNN (e per quanto riguarda l'Italia la Rai e l'Ansa) a sospendere la loro copertura dall'interno della Russia. TikTok ha anche citato il nuovo contesto legale nell'annunciare la sua decisione di impedire nuovi caricamenti e live streaming sulla sua piattaforma in Russia.

Altre società tecnologiche in precedenza avevano ridotto la loro presenza in Russia durante il conflitto in Ucraina. Apple, Microsoft e Intel hanno interrotto tutte le vendite e i servizi limitati nel paese, mentre Google, Twitter, Netflix (NFLX), Spotify (SPOT) e Meta hanno bloccato o limitato i media statali russi e, in alcuni casi, interrotto la pubblicità in il paese del tutto. Secondo quanto riferito, Cogent Communications, uno dei più grandi host di traffico Internet del mondo, ha iniziato a tagliare alcuni fornitori di servizi russi dalla sua rete venerdì.

È una tempesta perfetta che potrebbe portare la Russia a isolare finalmente la sua popolazione dal resto di Internet globale, proprio come ha già fatto la Cina. 'La crisi è sicuramente un punto critico, e probabilmente un punto di svolta, per le piattaforme occidentali che operano in Russia', ha detto alla CNN Business Jessica Brandt, direttrice delle politiche per l'Intelligenza artificiale e l'iniziativa tecnologica emergente presso la Brookings Institution. 'Mosca continuerà senza dubbio a premere sulle piattaforme per eliminare i contenuti poco lusinghieri, utilizzando tutta la leva a sua disposizione. Se le aziende si atterranno, il contraccolpo pubblico in altre parti del mondo sarà intenso', ha aggiunto.

Anche gli apparati di censura dei due sono simili: dove la Cina ha il suo Great Firewall, quello della Russia è stato soprannominato una cortina di ferro digitale. Ma mentre ci sono molte somiglianze tra i due, ci sono anche alcune differenze chiave che sollevano dubbi sulla capacità della Russia di mantenere il proprio ecosistema digitale autonomo.

Mentre la Cina ha trascorso decenni a sviluppare le sue capacità di censura di vasta portata e ha quasi sempre impedito alla maggior parte delle piattaforme tecnologiche occidentali di operare nel paese, la Russia sta cercando di realizzare questo cambiamento mentre combatte una guerra. La capacità della Russia di implementare lo stesso livello di tecnologia della Cina è dubbia, sia che voglia rendere le piattaforme occidentali completamente inaccessibili sia che miri a censurare contenuti e argomenti specifici in tempo reale come fa spesso il governo cinese.

'Penso che una differenza tra Russia e Cina sia che la Cina ha le capacità tecniche: il loro Great Firewall è molto sofisticato e la Russia non ne ha uno altrettanto sviluppato', ha affermato Xiaomeng Lu, direttore dello studio di geotecnologia per l'Eurasia Group. 'Per quanto (la Russia) voglia fare un blocco completo, penso che tecnicamente ci siano alcune difficolta».

A differenza della Cina, milioni di persone in Russia sono state abituate ad accedere a piattaforme tecnologiche globali e tagliarle completamente fuori da quelle piattaforme è un passo che il governo russo sotto Putin si è astenuto dal compiere finora. Ma questo sta cambiando rapidamente mentre la guerra e le conseguenti sanzioni occidentali continuano ad aumentare. 'Chiuderlo completamente rischia una sorta di contraccolpo politico per il governo', ha affermato Lu. Tuttavia, aggiunge, 'quel tipo di paura sta perdendo terreno rispetto alla paura della sopravvivenza del regime a lungo termine'.