23 agosto 2019
Aggiornato 15:00
Relazioni USA-Russia

Mosca: «Da Trump solo frasi generiche su disarmo nucleare»

All'inizio di aprile Trump ha dichiarato che gli Stati Uniti, la Russia e la Cina dovrebbero smettere di investire in armi e investire invece nella pace a lungo termine

Vladimir Putin e Donald Trump
Vladimir Putin e Donald Trump ANSA

MOSCA - Le iniziative per ridurre le capacità nucleari a livello globale sono «benvenute», ma è bene non fermarsi a frasi generiche e conoscere prima i dettagli delle nuove proposte avanzate dal presidente degli Stati Uniti Donald Trump: è quanto ha detto oggi il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov, citato dall'agenzia Ria, parlando della recente proposta dell'inquilino della Casa Bianca sul disarmo nucleare. All'inizio di aprile Trump ha dichiarato che gli Stati Uniti, la Russia e la Cina dovrebbero smettere di investire in armi e investire invece nella pace a lungo termine.

Intenzioni buone, ma vorremmo conoscere i dettagli

«Alcune iniziative in termini di riduzione del potenziale nucleare sono benvenute, ma in questo caso è molto difficile (reagire) a frasi generiche. Le intenzioni sono buone, ma vorremmo conoscere i dettagli, (in particolare) cosa intenda il presidente Trump» con le sue proposte, ha detto Peskov. Secondo il portavoce del Cremlino, gli esperti statunitensi non hanno discusso di questo argomento con i loro colleghi russi nelle ultime settimane.

Putin: Con al Sisi discussa costruzione centrale nucleare in Egitto

Il presidente russo Vladimir Putin ha detto oggi di avere discusso con il suo omologo egiziano, Abdul Fattah al Sisi, a margine del Forum di Pechino sulla Belt and Road Initiative, la costruzione di una centrale nucleare in Egitto con la partecipazione russa, così come delle attuali situazioni in Siria e Libia. «Nel caso del presidente egiziano, come non discutere dei nostri seri piani relativi alla costruzione della centrale nucleare» in Egitto, ha detto Putin, citato dall'agenzia Ria. «Come non discutere della situazione regionale e delle situazioni in Siria e in Libia?» ha aggiunto il presidente russo.