23 marzo 2019
Aggiornato 00:00
Russia

Vladimir Putin alza la voce con gli Usa: «No ai progetti di dominio globale»

Il Presidente russo: «Se gli Stati Uniti piazzeranno i loro razzi a corto e medio raggio in Europa, la Russia risponderà immediatamente»

Il Presidente russo, Vladimir Putin
Il Presidente russo, Vladimir Putin ANSA

MOSCA - La Russia risponderà a qualsiasi dispiegamento statunitense di armi nucleari a corto e medio raggio in Europa, prendendo di mira non solo i Paesi in cui sono di stanza, ma gli stessi Stati Uniti. Lo ha detto il presidente Vladimir Putin nel suo quindicesimo messaggio alla Nazione, in un discorso alla Camere Unite. «Non abbiamo alcun interesse per lo scontro e non ne vogliamo uno, men che meno con una potenza globale come gli Stati Uniti, ma sembra che i nostri partner non abbiano notato quanto rapidamente il mondo stia cambiando, e dove sta andando, continuano la loro politica distruttiva e chiaramente sbagliata», ha dichiarato.

Risponderemo alle decisioni di Washington

Nelle sue dichiarazioni più dure su una potenziale nuova corsa agli armamenti, Putin ha detto che la Russia non sta cercando uno scontro e non farebbe il primo passo per schierare i missili, ma sarebbe una risposta alla decisione di Washington, presa pochi giorni orsono, di uscire dall'importante trattato di controllo delle armi, firmato ai tempi della Guerra Fredda. «È loro diritto pensarla come vogliono, ma possono contare? Sono sicuro che possono, che si mettano allora a contare la velocità e la gamma di sistemi che stiamo sviluppando», ha detto Putin all'elite politica russa, incassando un forte applauso.

Nuovi armanenti

Putin ha inoltre elencato quanto fiorente sia l'industria militare russa, con i suoi risultati. Nella primavera di quest'anno, l'esercito russo lancerà il primo sottomarino nucleare, sul quale verrà installato il veicolo aereo senza equipaggio Poseidon. Inoltre un'altra novità: il razzo ipersonico Zircon sarà in grado di volare per 1000 km, ed essere utilizzato da terra e mare. «Per uno sviluppo sostenibile e a lungo termine, abbiamo bisogno di pace, e l'intero sviluppo dell'industria della difesa è mirato a una cosa: che nessuno pensi non solo all'aggressione contro il nostro Paese, ma non cerchi nemmeno di esercitare pressioni sul nostro paese», ha dichiarato.

Punteremo le armi contro gli Stati Uniti

Il messaggio del presidente all'Assemblea federale è durato un'ora e 27 minuti. Putin ha iniziato concentrandosi sul fronte interno, con misure di sostegno sociale per i russi e ha finito con annunci su nuove armi. Parlando appunto della possibile reazione della Russia a qualsiasi dispiegamento Usa: sarà risoluta e i responsabili delle politiche statunitensi, alcuni ossessionati secondo lui dall'eccezionalità degli Stati Uniti, dovrebbero calcolare i rischi prima di prendere qualsiasi iniziativa. «La Russia sarà costretta a creare e dispiegare tipi di armi che possono essere utilizzate non solo rispetto a quei territori da cui proviene la minaccia diretta, ma anche rispetto a quei territori in cui si trovano i centri decisionali», ha detto.