14 ottobre 2019
Aggiornato 07:00
Gentiloni in Austria con Kerry e Lavrov. Presente l'Iran

Siria, riunione internazionale a Vienna. E c'è anche l'Italia

Al via nuovi negoziati, questa mattina a Vienna, per una soluzione alla crisi siriana. Dopo i colloqui di ieri tra Stati Uniti, Russia, Turchia e Arabia Saudita, nella capitale austriaca sono giunti anche i capi diplomazia di altri Paesi occidentali e della regione

VIENNA - Al via nuovi negoziati, questa mattina a Vienna, per una soluzione alla crisi siriana. Dopo i colloqui di ieri tra Stati Uniti, Russia, Turchia e Arabia Saudita, nella capitale austriaca sono giunti anche i capi diplomazia di altri Paesi occidentali e della regione. Tra i diciassette partecipanti, che si sono riuniti poco dopo le ore 9, anche il ministro degli Esteri Paolo Gentiloni.

Anche l'Iran
Il segretario di Stato Usa, John Kerry è arrivato ieri, come l'omologo russo Sergej Lavrov. Da ventiquattro ore a Vienna c'è anche il capo della diplomazia di Teheran, Mohammad Javad Zarif, che a margine delle discussioni di ieri ha avuto un colloquio bilaterale con Kerry sull'applicazione dell'accordo sul programma nucleare iraniano.

Discussioni aperte
Sul tavolo dei negoziati odierni c'è il tentativo di trovare una soluzione alla crisi siriana. Un tentativo che vede per la prima volta coinvolto anche l'Iran. Sebbene non vi sia un'agenda dei lavori ufficiale, i ministri discuteranno anche della sorte del presidente siriano Bashar al-Assad, in vista di una transizione politica nel Paese.

(Con fonte Askanews)