13 dicembre 2019
Aggiornato 21:30

Paesi dell'Est Europa vogliono basi Nato contro la Russia

I Paesi dell'Europa orientale terranno un summit il prossimo mese di novembre per chiedere una maggiore presenza militare della Nato a fronte del timore di un'aggressione da parte della Russia

VARSAVIA (askanews) - I Paesi dell'Europa orientale terranno un summit il prossimo mese di novembre per chiedere una maggiore presenza militare della Nato a fronte del timore di un'aggressione da parte della Russia. Stando a quanto annunciato da un collaboratore del presidente polacco Andrzej Duda, i leader di Estonia, Lettonia, Lituania, Polonia, Repubblica Ceca, Slovacchia, Ungheria, Bulgaria e Romania si riuniranno il 3 e 4 novembre a Bucarest.

Basi permanenti in Polonia?
La Polonia ha chiesto da tempo di poter avere basi permanenti della Nato sul proprio territorio, incontrando però l'opposizione di diversi Stati occidentali, tra cui la Germania, che temono di alimentare tensioni tra Europa e Russia. In un'intervista concessa la scorsa settimana al Financial Times, Duda ha dichiarato che la Nato dovrebbe considerare la Polonia come una «zona cuscinetto». Proprio a Varsavia si terrà il prossimo anno il vertice della Nato, che avrà in cima all'agenda la proposta di creare nuove basi permanenti nell'Europa orientale. Duda ha scelto di fare la sua prima visita all'estero in Estonia in una data simbolica, il prossimo 23 agosto, giorno in cui cade il 76esimo anniversario della firma del patto di non aggressione Molotov-Ribbentrop tra la Germania nazista e l'Unione sovietica, che portò alla divisione di Polonia e Repubbliche Baltiche. Il 28 agosto, il presidente polacco sarà quindi in Germania per cercare di vincere l'opposizione tedesca alla presenza Nato nell'Europa orientale.