2 aprile 2020
Aggiornato 21:30
Si apre domani la 51esima Conferenza Internazionale sulla Sicurezza

Ucraina, Isis, Iran: a Monaco si decide la guerra

La crisi ucraina soprattutto sarà al centro dell'attenzione, in particolare di colloqui bilaterali a margine del vertice tra Biden e Poroshenko. Potrebbe essere possibile anche un incontro fra il Segretario di Stato americano John Kerry, oggi in visita

MONACO - Il sistema internazionale, così com'è, fa acqua da tutte le parti. E l'Occidente, che questo sistema l'ha architettato con scarsissima lungimiranza, lo sa fin troppo bene ora. Il presunto equilibrio pacifico multipolare, che Stati Uniti e Europa auspicavano all'indomani della Seconda Guerra Mondiale e poi del Muro di Berlino, si è rivelato un colossale flop. La 51esima Conferenza Internazionale sulla Sicurezza che si apre domani a Monaco dovrà fare i conti con queste sfide, e ancor più con le crisi che stanno sgretolando i poteri forti e ridisegnando lo scacchiere geopolitico: conflitto ucraino, minaccia terroristica, nucleare in Iran. La crisi ucraina soprattutto sarà al centro dell'attenzione, in particolare di colloqui bilaterali a margine del vertice, tra cui quello previsto fra il vicepresidente statunitense Joe Biden e il presidente ucraino Petro Poroshenko. Potrebbe essere possibile anche un incontro fra il Segretario di Stato americano John Kerry, oggi in visita a Kiev, e l'omologo russo Sergey Lavrov.

ISCHINGER CONTRO L'ONU - Alla vigilia del summit, colpiscono le parole pronunciate dal presidente della Conferenza Wolfgang Ischinger: «Il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite dovrebbe includere nelle sue pratiche la risoluzione settimanale di una crisi o l'altra: l'Iraq, l'Ucraina, ecc. Al contrario abbiamo creato diverse organizzazioni alternative: G7, G8, G20, ci sono sempre più gruppi, ma l'effetto delle loro decisioni diminuisce drasticamente». Detto in altre parole: il Consiglio di Sicurezza va urgentemente riformato in modo che si ottengano seggi permanenti in Paesi come l'India e il Giappone e uno anche per l'Unione europea, che dovrebbe a suo avviso cominciare a parlare con una voce sola.

UCRAINA, QUALCHE SPERANZA C'E' ANCORA - Sull'Ucraina difficile dire cosa accadrà. Ma c'è qualcuno che è convinto che non sia tutto perduto. «È estremamente difficile da prevedere, ma restano le speranze per miglioramenti. Ci sono segnali che in Occidente, soprattutto in Europa, stiano cominciando a capire che ignorare la responsabilità di Kiev sta diventando impossibile – afferma il responsabile del dipartimento per la Sicurezza europea dell'Istituto d'Europa Dmitry Danilov –. Allo stesso tempo è chiaro che, con tutta la valutazione positiva del caso, è difficile parlare di progresso degli sforzi europei se gli Stati Uniti continueranno a mantenere una posizione rigida senza compromessi».

KERRY NON VUOLE LA GUERRA (FORSE) - Anche il Segretario di Stato americano, John Kerry, ci crede: «Una via d’uscita pacifica dal conflitto ucraino esiste e un cessate il fuoco immediato della Russia è il primo passo». Anche se si affretta a precisare che «vogliamo una soluzione diplomatica ma non possiamo chiudere gli occhi davanti ai carri armati che oltrepassano il confine dalla Russia verso l’Ucraina».

Sostieni DiariodelWeb.it

Caro lettore, se apprezzi il nostro lavoro e se ci segui tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento straordinario. Grazie!

PayPal