5 giugno 2020
Aggiornato 15:30
Giappone | Ambiente

Fukushima, le operazioni di bonifica dell'acqua vanno a rilento

L'acqua viene pompata per evitare che venga contaminata passando sotto la centrale e immagazzinata in speciali serbatoi dove viene analizzata per accertare che non presenti tracce di radioattività; successivamente, viene riversata nell'Oceano.

TOKYO - La Tepco, l'ente di gestione della centrale nucleare giapponese di Fukushima, ha reso noto che il livello delle acque nei pozzi sotterranei in prossimità dell'impianto - distrutto dallo tsunami dell'11 marzo del 2011 - si è abbassato grazie alle operazioni di pompaggio, ma di appena una decina di centimetri.

IMMAGAZZINATA IN SPECIALI SERBATOI - I tre pozzi si trovano a distanze fra i 70 metri e i 150 metri dalla centrale: secondo la Tepco gli scarsi risultati ottenuti si devono soprattutto alle abbondanti piogge cadute nella zona nelle ultime settimane.
L'acqua, proveniente dalle montagne circostanti, viene pompata per evitare che venga contaminata passando sotto la centrale - costringendo quindi a costose operazioni di bonifica - e immagazzinata in speciali serbatoi dove viene analizzata per accertare che non presenti tracce di radioattività; successivamente, viene riversata nell'Oceano.

Sostieni DiariodelWeb.it

Caro lettore, se apprezzi il nostro lavoro e se ci segui tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento straordinario. Grazie!

PayPal