30 marzo 2020
Aggiornato 12:34
Giustizia | Caso Pussy Riot

Due militanti delle «Pussy Riot» fuggono all'estero

Avevano partecipato alla «preghiera punk» contro Vladimir Putin in una cattedrale moscovita. Hanno lasciato il Paese per sfuggire all'arresto: lo ha annunciato la stessa organizzazione con un messaggio diffuso su Twitter

MOSCA - Due militanti del gruppo «Pussy Riot» che avevano partecipato alla «preghiera punk» contro Vladimir Putin in una cattedrale moscovita hanno lasciato il Paese per sfuggire all'arresto: lo ha annunciato la stessa organizzazione.
«I nostri due membri ricercati dalla polizia sono riuscite a lasciare il territorio russo e cercano di reclutare altre militanti femministe all'estero per preparare delle nuove azioni» si legge in un messaggio diffuso sul social network «Twitter».

RICERCATE DALLA POLIZIA - Il 17 agosto scorso un tribunale di Mosca aveva condannato Maria Alekhina, Nadezhda Tolokonnikova ed Ekaterina Samutsevich a due anni di detenzione in un campo di lavoro per «vandalismo» e «incitamento all'odio religioso»; tre giorni dopo la polizia aveva annunciato di essere alla ricerca delle altre due militanti che il 21 febbraio avevano partecipato all'irruzione nella cattedrale di Cristo Salvatore.

Sostieni DiariodelWeb.it

Caro lettore, se apprezzi il nostro lavoro e se ci segui tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento straordinario. Grazie!

PayPal