26 ottobre 2021
Aggiornato 13:30
USA 2012 | Primarie repubblicane

Romney incerto, Gingrich trionfa nel nuovo dibattito tv

Il primo fischiato sulle tasse. Il secondo: La Cnn protegge Obama. Parole che hanno suscitato l'entusiasmo della platea e che hanno finito per condizionare tutto il dibattito. E così, se Rick Santorum non è riuscito ad essere davvero convincente, Mitt Romney è stato alquanto deludente

WASHINGTON - Un grintoso Newt Gingrich è uscito vincitore dal secondo e ultimo confronto televisivo prima del voto in South Carolina per la nomination repubblicana alle presidenziali Usa del 2012. Una performance, quella di Gingrich, che potrebbe riaprire i giochi, anche grazie alla serata 'no' di Mitt Romney che ha compiuto un paio di gaffe sottolineate da sonori fischi della platea presente negli studi della Cnn.
Eppure, per Gingrich, la serata era cominciata nel peggiore dei modi. Poco prima dell'inizio del dibattito televisivo, infatti, è uscita l'attesissima intervista alla sua ex seconda moglie Marianne, in cui la donna ha raccontato come il candidato conservatore - che al tempo aveva già una relazione con l'amante Callista - le avesse proposto di vivere come «una coppia libera».

Gingrich critica la CNN: protegge Obama - Ma proprio quando è stato chiamato a commentare le parole dell'ex moglie, a inizio confronto, Gingrich ha vinto la sua partita: «Non voglio commentare, ma lo farò. E' tutto falso, i miei amici lo sanno e io lo dimostrerò», ha detto. «Sono allibito dal fatto che la Cnn inizi un dibattito presidenziale con questa roba di bassa leva. Parlare di un'intervista di questo tipo a due giorni da un voto così importante è davvero un fatto spregevole. Sono stanco di questo tipo di media di elite che proteggono Barack Obama, attaccando invece noi repubblicani», ha aggiunto.
Parole che hanno suscitato l'entusiasmo della platea e che hanno finito per condizionare tutto il dibattito. E così, se Rick Santorum non è riuscito ad essere davvero convincente, Mitt Romney è stato alquanto deludente. Soprattutto quando ha ammesso di non avere ancora deciso quando renderà pubblica la sua controversa dichiarazione dei redditi. E, più tardi, quando ha detto di considerarsi un uomo cresciuto in strada.

Primo spot televisivo per la rielezione di Obama - Lo staff della campagna elettorale del Presidente Barack Obama ha presentato il primo spot televisivo per le presidenziali di novembre, incentrato sull'indipendenza energetica del Paese. Il messaggio di 30 secondi è destinato alle televisioni locali di Iowa (centro), North Carolina (sud-est), Michigan, Ohio e Wisconsin (nord), tutti Stati sui cui Obama punta per ottenere il suo secondo mandato.
La pubblicità afferma che «miliardari anonimi del settore del petrolio attaccano il presidente Obama» sulla sua politica energetica, mentre «per la prima volta in 13 anni, la dipendenza gli Stati Uniti dal petrolio straniero è scesa sotto il 50%».
Obama mercoledì prossimo, all'indomani del tradizione discorso sullo Stato dell'Unione, inizierà un tour di tre giorni in cinque stati chiave, dall'Iowa al Michigan, attraversando Arizona, Nevada e Colorado.