9 dicembre 2019
Aggiornato 14:30

Ahmadinejad: liberi entro due giorni gli escursionisti USA

Shane Bauer e Josh Fattal erano accusati di spionaggio. Sono cinque le impiccagioni in pubblico rese note oggi dai mezzi di informazione iraniani, sale a 197 il numero delle esecuzioni nel 2011

TEHERAN - Shane Bauer e Josh Fattal, gli escursionisti americani detenuti in Iran e condannati a otto anni di reclusioni per ingresso illegale nel Paese e spionaggio, saranno rilasciati «entro due giorni». Lo ha annunciato il presidente ultraconservatore della repubblica islamica, Mahmoud Ahmadinejad, in un'intervista rilasciata all'enmittente televisiva americana NBC.
Bauer e Josh Fattal, condannati lo scorso 21 agosto ed entrambi 29enni, erano stati arrestati il 31 luglio 2009 alla frontiera irachena con una collazionale, la 32enne Sarah Shourd, rientrata negli Stati Uniti nel settembre 2010 dopo essere stata rilasciata su cauzione per motivi di salute.

Cinque impiccagioni, sale a 197 il numero delle esecuzioni nel 2011 - Sono cinque le impiccagioni in pubblico rese note oggi dai mezzi di informazione iraniani: un 25enne è stato impiccato a Teheran, un altro uomo a Dashtestan, nel sud del Paese, mentre altri tre uomini, ritenuti colpevoli di traffico di droga, sono stati impiccati nella città santa di Qom, a sud della capitale iraniana.
I primi due erano stati condannati a morte per omicidio: il 25enne aveva ammesso di avere ucciso a coltellate una compagna di Università a fine luglio dopo essere stato respinto, mentre il secondo era stato condannato per avere ucciso quattro familiari un anno fa.
Le cinque impiccagioni fanno salire a 197 il numero delle esecuzioni compiute in Iran dall'inizio dell'anno, secondo un conteggio della France Presse in base alle informazioni raccolte dalla stampa locale. Nel 2010 le persone impiccate sono state 179, in base agli stessi dati, mentre l'organizzazione Human Rights Watch (Hrw) aveva registrato 388 esecuzioni e Amnesty International 252.