1 agosto 2021
Aggiornato 15:00
Si sta diffondendo in Asia

FAO: «Allarme per nuovo ceppo di aviaria»

Secondo i dati dell'OMS dal 2003 il virus H5N1 ha infettato 565 persone, 331 vittime

ROMA - La Fao ha sollecitato oggi maggiore allerta e sorveglianza contro una possibile recrudescenza dell'influenza aviaria altamente patogena H5N1, in relazione ai segnali che un ceppo mutato del virus mortale si sta diffondendo in Asia ed altrove con imprevedibili rischi per la salute umana.

Secondo i dati dell'Oms, da quando è apparso la prima volta, nel 2003, il virus H5N1 ha infettato 565 persone uccidendone 331. L'ultimo decesso è avvenuto all'inizio del mese in Cambogia, dove dall'inizio dell'anno si sono registrati otto casi umani, tutti con esito fatale.

Dal 2003 ad oggi il virus H5N1 ha ucciso, o ha obbligato ad abbattere, più di 400 milioni di capi di pollame domestico ed ha causato nel mondo un danno economico calcolato intorno ai 20 miliardi di dollari, prima di venire eliminato dalla maggior parte dei 63 paesi che aveva infettato nel momento di maggiore diffusione, nel 2006.