7 dicembre 2019
Aggiornato 13:00

Guardiani: Ahmadinejad non può assumere interim petrolio

Il Presidente iraniano potrebbe presiedere il vertice Opec a giugno

TEHERAN - La Costituzione iraniana non riconosce al Presidente iraniano Mahmoud Ahmadinejad il diritto di assumere l'interim del ministero del Petrolio. E' quanto ha dichiarato il Consiglio dei guardiani della costituzione, citato oggi dai media iraniani. Ahmadinejad ha annunciato il 15 maggio scorso la decisione di assumere in via temporanea la guida del dicastero del petrolio, dopo aver rimosso il ministro in un rimpasto di governo che prevede di unire le competenze del ministero del Petrolio a quello dell'Energia.

«Ai sensi di diversi articoli della Costituzione ... il presidente non può assumere personalmente la responsabilità di un ministero senza titolare», ha dichiarato il portavoce del Consiglio dei guardiani, Abbas Ali Kadkhodaei, citato dall'agenzia ufficiale Irna. Kadkhodaei ha precisato che il Consiglio si è pronunciato dopo aver ricevuto «molte richieste» a riguardo. I Guardiani della costituzione hanno quindi precisato che Ahmadinejad ha il potere di insediare, senza ratifica parlamentare, dei ministri provvisori, per un tempo massimo di tre mesi, dopo le dimissioni o il licenziamento di un ministro, ma questa possibilità non riguarda il Capo del governo.
Tuttavia, la presidenza ha respinto ieri sera questa interpretazione e ha ribadito che Ahmadinejad rimarrà provvisoriamente alla guida del ministero. «Il Presidente ha già annunciato la sua lettura (...) della Costituzione sul controllo dei ministeri - ha detto Bodaghi, vicepresidente per gli Affari legali, citato da Irna - dunque il presidente è provvisoriamente il ministro del Petrolio». Ahmadinejad potrebbe quindi partecipare al prossimo vertice ministeriale dell'Opec, in programma l'8 giugno a Vienna, con l'Iran presidente annuale dell'organizzazione per la prima volta dalla rivoluzione islamica del 1979.