20 ottobre 2019
Aggiornato 02:30
Marea nera

Il pozzo potrebbe perdere per altri due anni

Gli esperti: «I danni potenziali sono incalcolabili, ben al di lą di quelli gią gravi causati dalla perdita giunta ormai al sessantesimo giorno»

NEW YORK - Il pozzo sottomarino della Bp č in grado di riversare greggio nelle acque del Golfo del Messico almeno per i prossimi due anni, se i tentativi di arginare la fuga seguita all'esplosione della piattaforma offshore «Deepwater Horizon» non avranno successo.
Come riporta il quotidiano britannico The Guardian, le stime degli esperti suggeriscono che i danni potenziali della fuoriuscita sono devastanti, ben al di lą di quelli gią gravi causati dalla perdita giunta ormai al sessantesimo giorno.

Il pozzo ha una riserva stimata in 50 milioni di barili e con un flusso di circa 60mila barili giornalieri potrebbe continuare a perdere per un periodo che va dai due ai quattro anni, anche se una volta esaurito il gas naturale contenuto nel giacimento - forza motrice del greggio, che deve vincere una pressione di 150 atmosfere - il tasso di perdita sarebbe molto piccolo.
Al momento la Bp e l'amministrazione Obama sperano di poter arginare completamente la fuga entro il prossimo agosto, con lo scavo di altri due pozzi collaterali in grado di far defluire il greggio; in caso di fallimento, le conseguenze ambientali sono incalcolabili.