20 ottobre 2019
Aggiornato 03:00
Crisi Alitalia

Alitalia, ecco il bando: offerte vincolanti entro il 2 ottobre

Alitalia ha cinquantasette giorni per trovare un compratore. C'è tempo fino al 15 settembre per presentare manifestazioni di interesse e fino al 2 ottobre per le offerte vincolanti

Il ministero dello Sviluppo economico ha approvato il bando per la vendita di Alitalia.
Il ministero dello Sviluppo economico ha approvato il bando per la vendita di Alitalia. ANSA

FIUMICINO – Alitalia ha cinquantasette giorni per trovare un compratore. Nelle scorse ore è stato infine pubblicato il bando per la presentazione di offerte vincolanti per la compagnia aerea realizzato dai commissari straordinari Luigi Gubitosi, Enrico Laghi e Stefano Paleari. La deadline è stata fissata al prossimo 2 ottobre. E le offerte potranno essere dirette all'intera compagnia, alla sola parte di volo o alla sola parte di terra. Saranno comunque preferite soluzioni che riguardino la compagnia nella sua interezza. Nelle prossime otto settimane sarà deciso il destino di Alitalia e la tabella di marcia è dettata dal bando approvato dal ministero dello Sviluppo economico. Dal 7 agosto al 15 settembre potranno essere presentate le manifestazioni d'interesse all'operazione, ovvero la volontà di fare un'offerta vincolante. Dopodiché si passerà alla data room in cui i soggetti ammessi alla procedura potranno visionare i dati di Alitalia.

Il bando e le opzioni di acquisto
Le offerte vincolanti potranno essere presentate entro il 2 ottobre, ma ci sarà eventualmente tempo fino al 5 novembre per la fase di negoziazione e miglioramento delle offerte. L'amministrazione straordinaria spera nell'arrivo di un cavaliere bianco e punta a vendere in blocco l’intera compagnia. Ma non sarà facile raggiungere questo obiettivo. In alternativa, il bando offre agli acquirenti la possibilità di acquistare o solo la parte del trasporto aereo (inclusa la manutenzione) o le attività di gestione dei servizi di assistenza a terra di aerei e passeggeri.

I potenziali compratori
La lista dei potenziali acquirenti si è notevolmente ridotta negli ultimi mesi, ma sono stati confermati alcuni nomi importanti: Etihad, Ryanair, Delta in cordata con Air France-Klm, Lufthansa e EasyJet. A parità di condizioni delle offerte pervenute, il bando stabilisce comunque che siano privilegiate quelle per il lotto unico al fine di evitare il famoso «spezzatino». Intanto, in attesa del closing, i commissari continuano ad avere il loro bel da fare con l'amministrazione straordinaria. In particolare il nuovo programma aziendale sarà pronto per ottobre, ma nel frattempo l'urgenza è rappresentata dai conti in rosso della compagnia aerea che continua a macinare perdite. Solo nei primi due mesi del 2017 Alitalia ha perso ben 200 milioni di euro.