20 ottobre 2019
Aggiornato 03:00
Crisi Alitalia

Alitalia, ecco quanto costa e perché i competitor fanno (molto) meglio

I ricavi sono da low coast, ma le spese sono da compagnia globale. Il gap tra Alitalia e le altre compagnie aeree è evidente nei conti della compagnia, che perde 8 euro per ogni passeggero trasportato

Ecco quanto ci costa Alitalia.
Ecco quanto ci costa Alitalia. ANSA

FIUMICINO - I ricavi sono da low cost, ma le spese sono da compagnia globale e non per colpa del costo del lavoro. La crisi dell'Alitalia riflette un modello di vettore aereo che non esiste più. Le low cost e i treni ad alta velocità hanno rapidamente eroso i margini sulle rotte a corto e medio raggio che ancora oggi rappresentano la principale attività dell'Alitalia che ha una scarsa presenza sull'intercontinentale, il segmento di mercato che consente alle compagnie tradizionali di generare margini significativi.

LEGGI ANCHE Perché Alitalia è lo specchio del paese

Il gap tra Alitalia e le altre compagnie aeree
Nel corso degli ultimi 20 anni il gap tra la compagnia italiana e le principali concorrenti è notevolmente aumentato. Oggi Alitalia, in termini di passeggeri, è un quarto di Air France-Klm e un quinto di Lufthansa e Iag (British e Iberia). Con oltre 22 milioni di passeggeri, Alitalia è un terzo di easyjet (74,5 milioni) e meno di un quinto di Ryanair (106 milioni). Il principale problema sono i ricavi per passeggero. Sulla base dei conti del 2015 la compagnia di bandiera incassa 150 euro a passeggero, meno della metà rispetto ai 311 euro del gruppo Lufthansa (conteggiando anche i passeggeri delle controllate low cost).

Alitalia perde 8 euro a passeggero
Air France-Klm si attesta a 288 euro e Iag a 260 (calcolando anche Aer Lingus e Vueling). Per easyjet i ricavi per passeggero sono 74 euro e soltanto 61 per Ryanair, ma le due low cost riescono comunque a generare un risultato operativo positivo intorno ai 12 euro per ogni passeggero trasportato. Alitalia, invece, perde oltre 8 euro a passeggero. Iag presenta la migliore redditività operativa con 30 euro di Ebit a passeggero, seguita da Lufthansa con 21 euro e Air France-Klm con 12,5 euro. Sull'altra sponda dell'Atlantico fa ancora meglio la Delta Airlines che genera un risultato operativo di quasi 35 euro comprendendo anche il traffico low cost.

I competitor Ryanair e Easyjet fanno (molto) meglio
Sul fronte dei costi Ryanair e easyjet riescono a far volare un passeggero con costi inferiori ai 50 euro. Alitalia, sui dati 2015, presenta un costo superiore ai 150 euro a passeggero. E' evidente lo squilibrio strutturale tra ricavi e costi per Alitalia rispetto ai competitor. Eppure l'organico della compagnia sembra non sovradimensionato rispetto all'attività. Alitalia presenta un fatturato per dipendente di 260mila euro, in linea con Lufthansa e IAG, ma non distante dai 288mila di Air France-Klm. Ryanair sfiora i 600mila euro a dipendente e easyjet si attesta a 552mila.

A quanto ammontano i costi del personale
Nel rapporto passeggeri/dipendenti Alitalia fa meglio dei vettori tradizionali con 1.760 passeggeri trasportati per dipendente. Iag si ferma a quasi 1.600 mentre Air France-Klm e Lufthansa sono sotto mille. Il distacco con le low cost è significativo. Ryanair con meno dipendenti di Alitalia fa volare 106 milioni di passeggeri (9.738 per ogni dipendente), easyjet supera i 7.440 passeggeri. Sul fronte dei costi quello del lavoro non appare come la principale fonte di tensione per i numeri di Alitalia. Sempre nel 2015 la spesa per il personale ha sfiorato i 600 milioni di euro, circa il 18% dei ricavi. Ryanair riesce a contenerlo all'11% ma Iag e Lufthansa si attestano al 23% e Air France-Klm destina al personale il 30% del fatturato.