15 dicembre 2019
Aggiornato 20:00
Maxi aumento e M&B

Unicredit corre in Borsa, all'orizzonte c'è la fusione con SocGen?

Il titolo di Unicredit è sulle montagne russe a Piazza Affari in seguito ai rumors che raccontano di una possibile fusione con Société Générale. Sullo sfondo si profila anche un maxi aumento di capitale da 13 miliardi di euro

MILANO – Unicredit e Société Générale potrebbero dar vita al nuovo gigante del credito europeo. Alcuni rumors, infatti, ventilano la possibilità di una fusione tra i due istituti. Le banche non commentano la notizia, ma l'amministratore delegato Jean Pierre Mustier – vecchia conoscenza di SocGen - sembra avere le idee chiare. Intano il titolo di Piazza Gae Aulenti prosegue la corsa sulle montagne russe di Piazza Affari.

Unicredit sulle montagne russe
Unicredit ha toccato quota 2,42 euro per azione in mattinata, per poi ripiegare a 2,30 euro. A spingere in alto il titolo sono state due indiscrezioni molto ghiotte: da un lato la possibile fusione con Société Générale, che darebbe vita al nuovo gigante del credito europeo, dall'altro il maxi aumento di capitale da 13 miliardi di euro che l'amministratore delegato Jean Pierre Mustier sembra disposto ad inseguire. Il piano industriale di Piazza Gae Aulenti verrà presentato al mercato il 13 dicembre, rigorosamente dopo il referendum costituzionale (LEGGI ANCHE "Banche, lo slalom di Unicredit ttra cessioni e sofferenze in attesa del referendum").

La possibile fusione con SocGen
Nel frattempo, però, Unicredit continuerà a essere la sorvegliata speciale di Piazza Affari. Noi del Diariodelweb avevamo già informato i nostri lettori riguardo le velleità dei francesi verso il gioiello del credito italiano, l'unica istituzione finanziaria nazionale di carattere sistemico e per questo inserita a pieno titolo nella lista degli istituti internazionali«too big to fail» insieme a colossi come JP Morgan (LEGGI ANCHE "Unicredit vola in Borsa, ma ecco cosa rischia nei prossimi mesi"). Ma ora i rumors delineano la possibilità di una vera e propria fusione tra Unicredit e Société Générale.

Un maxi aumento di capitale da 13 miliardi
Le due banche non commentano, ma vale la pena di ricordare che l'attuale amministratore delegato di Unicredit, Jean Pierre Mustier, non solo è un francese doc ma è anche una vecchia conoscenza di SocGen (LEGGI ANCHE "Unicredit, Jean Pierre Mustier: ecco chi è il nuovo amministratore delegato"). La fusione con Société Générale sembra tornata tra le opzioni di Piazza Gae Aulenti, ma Unicredit deve prima risolvere il problema dei crediti deteriorati. In pancia all'istituto ci sono ben 51 miliardi di sofferenze e la banca deve rafforzarsi patrimonialmente con un imminente aumento di capitale. Secondo le ultime fonti citate dalla Reuters, Mustier starebbe pensando a un maxi aumento di capitale da 13 miliardi di euro per rafforzare la posizione dell'istituto, attraverso l'emissione di azioni.