23 gennaio 2020
Aggiornato 00:30
ombre su mps

Suicidio David Rossi, un video choc potrebbe riaprire il caso. Ma la Procura di Siena smentisce

Il video pubblicato sul sito del New York Post mostra due uomini che si avvicinano al corpo di David Rossi dopo la sua caduta. La Procura di Siena smentisce, ma restano aperti alcuni dubbi sulla sua morte

ROMA - Un video choc pubblicato dal New York Post potrebbe riaprire il caso sulla morte di David Rossi. Ma la Procura di Siena chiarisce che si tratta di materiale già «acquisito agli atti».

Il video choc del New York Post
Secondo la Procura di Siena, il video pubblicato dal New York Post sulla morte dell'ex capo delle comunicazioni di Banca Montepaschi, David Rossi, precipitato da una finestra della sede centrale dell'istituto il 6 marzo del 2013, «corrisponde a quello già all'epoca acquisito agli atti». Lo precisa in una nota, spiegando che «in ordine alle persone che si avvicinarono al corpo di David Rossi, già nel corso delle primissime indagini furono sentite due persone informate sui fatti che si ritenne corrispondessero ai due soggetti ripresi nel video».

I due uomini nel video
"Gli stessi resero dichiarazioni perfettamente coincidenti con la loro presenza in loco quale emergente dalla ripresa video, e uno di questi fu colui che provvide a chiedere l'intervento del 118", prosegue la Procura e conclude: «Per la definitiva conferma ed evitare ogni ulteriore illazione, nella nuova indagine in corso si è delegata la polizia giudiziaria a risentire le persone già identificate». Secondo quanto si apprende da fonti vicine alla vicenda, le due persone riprese nel video sarebbero Giancarlo Filippone, amico di Rossi, e Bernardo Mingrone, all'epoca dei fatti CFO di Mps, colui che avvisò il 118.

I dubbi sulla morte di Rossi
Le immagini shock sono state diffuse in un video-inchiesta sulla morte di Rossi, nel quale si mette in dubbio la tesi del suicidio. Nel filmato, che riporta le riprese delle telecamere di sorveglianza esterne alla sede di Mps, si vede l'ex capo delle comunicazioni precipitare al suolo e rimanere disteso a terra. Poco dopo si avvicinano due uomini (quelli che la Procura ha precisato di aver già sentito nelle fasi iniziali delle indagini) che danno uno sguardo apparentemente veloce al corpo e poi lentamente si allontanano. Il corpo di Rossi è già stato riesumato per ordine della Procura per svolgere ulteriori accertamenti sul cadavere. I periti della famiglia Rossi hanno sollevato dubbi sulla dinamica della caduta e non credono all'ipotesi del suicidio.