5 dicembre 2019
Aggiornato 22:30
Per Scelta Civica non è necessario eliminare la Tasi, meglio ridurla

Fisco, Zanetti: «Renzi, L'aumento dell'Imu sulle seconde case sarebbe una follia»

Il viceministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Riccardo Nencini, assicura che il governo è in procinto di varare efficaci politiche per la casa, ma il sottosegretario all'Economia, Enrico Zanetti, lancia un monito al premier

ROMA (askanews) - Sarebbe «una follia» aumentare l'Imu sulle seconde case per finanziare l'eliminazione della Tasi sull'abitazione principale. Lo ha affermato il sottosegretario all'Economia, Enrico Zanetti, secondo cui «togliere le tasse sulla prima casa per aumentare la tassazione sugli altri immobili, che sono già tassati, è una follia. Meglio ridurre semmai, se fosse necessario, quel che si può, senza fare mosse di questo tipo che mi sento di escludere in assoluto».

Zanetti: Una follia aumentare l'Imu sulle seconde case
«Meglio ragionare - ha spiegato il segretario politico di Scelta civica intervenendo a Sky-Tg24 Economia - sulla possibilità di ridurre di due terzi il gettito, e sarebbe già una sforbiciata fortissima, portando l'Imu a zero per moltissime famiglie, e usare il terzo residuo per rendere pienamente deducibile l'Imu dal reddito d'impresa». Per Zanetti, poi, il gettito derivante dal rientro dei capitali non va usato per finanziare l'alleggerimento fiscale sulla casa. «Le entrate - ha detto - che ci saranno anche per il 2016 dalla voluntary disclosure, in quanto una tantum, non sono ottimali per coprire tagli di imposte permanenti come quelli che vogliamo fare sugli immobili. Possono andare più che bene invece per prorogare al 2016 con alcuni adattamenti gli incentivi sui nuovi contratti a tempo indeterminato. Cosa che, peraltro - ha concluso - a nostro avviso dovrebbe avere la priorità rispetto a tante altre misure di cui si parla di più».

Nencini: Metteremo a regime efficaci politiche per la casa
«La prossima legge di stabilità sarà l'occasione per mettere a regime efficaci politiche sulla casa, dall'estensione dei crediti d'imposta alla conferma del bonus fiscale per l'acquisto dei mobili, dall'ecobonus all'housing sociale (obiettivo mettere sul mercato alcune migliaia di abitazioni a prezzo calmierato, sia per la vendita che per l'affitto)», ha rassicurato via Facebook Riccardo Nencini, viceministro delle infrastrutture e dei trasporti, pubblicando questo messaggio sul suo profilo pubblico. «Un'attenzione particolare verrà posta anche al recupero dei beni confiscati alla criminalità per destinarli a fini residenziali e alle misure di sostegno per la locazione, a cominciare dal fondo inquilini morosi incolpevoli. In quest'ultimo caso - ha aggiunto Nencini - verrà rivista la procedura in atto in modo tale da favorire concretamente il passaggio di casa in casa del cittadino in stato di bisogno e superare così i problemi che si sono manifestati di recente", ha concluso Nencini.