20 settembre 2019
Aggiornato 14:00
Prosegue il calo dei lavoratori occupati

Turismo, ad aprile battuta d’arresto

Presenze alberghiere -1,7%. Bocca: «Segnali di discontinuità che rendono difficile una adeguata programmazione»

ROMA - «Il mese di aprile, turisticamente parlando, ha fatto registrare una imprevista battuta d’arresto di arrivi e presenze alberghieri rispetto allo stesso periodo del 2009, che purtroppo lascia intendere come la ripartenza del comparto sia ancora sottoposta agli umori ed alle turbolenze del mercato». È quanto afferma il Presidente di Federalberghi, Bernabò Bocca, alla lettura dei dati relativi al monitoraggio mensile effettuato dalla Federazione (l’inchiesta è stata svolta dal 3 al 7 maggio, intervistando con metodologia internet 1.040 imprese ricettive, distribuite a campione sull’intero territorio nazionale).

«Dai dati in nostro possesso, -prosegue Bocca- appare evidente come la recessione stia continuando ad incidere in modo inatteso ed improvviso sulle scelte dei consumatori italiani e stranieri anche in campo turistico

«Ciò comporta un’altalenante andamento del mercato -sottolinea il Presidente degli albergatori italiani- che se da un lato va ad influenzare il numero di arrivi e pernottamenti, dall’altro incide fortemente sulle politiche organizzative delle imprese turistiche, condizionando la programmazione e gli organici delle stesse e mettendo a rischio sempre più la tenuta occupazionale dei nostri collaboratori.

«Sarebbe dunque opportuno ed auspicabile -conclude Bocca- che le parti interessate: Imprese, Sindacati ed Esecutivo, istituiscano a breve un tavolo di confronto all’interno del quale analizzare la congiuntura, in vista soprattutto dell’imminente stagione estiva».

- GENNAIO: -2,1% di presenze (ed il -3% di lavoratori occupati
- di cui -4% a tempo indeterminato e +0,1% a tempo determinato))
- FEBBRAIO: +1,5% di presenze (ed il -0,8% di lavoratori occupati
- di cui -2,5% a tempo indeterminato e +3,2% a tempo determinato)
- MARZO: +4,4% di presenze (ed il -3,7% di lavoratori occupati
- di cui -4,6% a tempo indeterminato e -2,1% a tempo determinato)
- APRILE: -1,7% di presenze (ed il -3,8% di lavoratori occupati
- di cui -5,1% a tempo interminato e -1,9% a tempo determinato)