15 luglio 2024
Aggiornato 16:00
Multa ai maggiori produttori italiani di pasta

Antitrust: no al ‘cartello’ sulla pasta

E’ quanto dichiara Massimiliano Dona, Segretario generale dell’Unione Nazionale Consumatori

Roma – «Esprimo vivo apprezzamento per la decisine presa dall’Autorità garante della concorrenza e del mercato di infliggere una multa ai maggiori produttori italiani di pasta, rei di aver ‘fatto cartello’ attuando un’intesa restrittiva della concorrenza». E’ quanto dichiara Massimiliano Dona, Segretario generale dell’Unione Nazionale Consumatori.

«L’intervento dell’Authority -prosegue Dona- è un importante segnale a conferma del grado di trasparenza del nostro mercato. E’ infatti inammissibile che a fronte di una sostanziale riduzione dei costi delle materie prime, il prezzo della pasta continui ad aumentare».
«Solo assicurando una libera concorrenza sul mercato e combattendo i comportamenti speculativi di chi opera rincari ingiustificati -conclude Dona- si potrà garantire al consumatore un reale contenimento dei costi».