2 agosto 2021
Aggiornato 08:00
La BCE abbassa nuovamente i tassi

Le banche si tutelano sui mutui a tasso variabile

Codacons: «Spread aggiuntivo per chi sceglie un mutuo indicizzato alla BCE»

La Banca centrale europea ha tagliato i tassi di interesse portandoli al 2,00%, minimo che non si toccava dal giugno 2003. Non si tratta, però, di una buona notizia per chi intende fare un mutuo indicizzato al tasso principale di Eurolandia.

Le banche, infatti, che stanno finalmente cominciando ad offrire i mutui a tasso variabile agganciati al tasso Bce invece che solo all’Euribor, stanno aggiungendo uno spread allo spread (spread al quadrato) in modo tale da rendere meno conveniente la rata di chi opta per l’aggancio alla Banca centrale europea (indipendentemente dalle valutazioni che poi si possono fare rispetto alla maggiore o minore variabilità dei tassi di riferimento).

Insomma, ma non avevamo dubbi a proposito, le banche non solo non ti regalano nulla, ma si tutelano aumentando i loro margini di guadagno.