7 dicembre 2019
Aggiornato 07:30
Audizione alla Camera

Prezzi e Pac: posizione comune del «tavolo degli undici»

«Crediamo sia il modo migliore di presentarci, senza distinguo e rappresentando, in una sintesi costruttiva, gli interessi degli operatori»

Prezzi degli alimentari e futuro delle politiche comunitarie per il settore primario. Sono stati questi i temi dibattuti quest’oggi all’audizione alla Camera cui erano invitate tutte le organizzazioni del settore agroalimentare, compresi i sindacati dei lavoratori.

Il punto di vista degli operatori è stato illustrato, a nome di tutti i componenti del «Tavolo degli undici», dal presidente di Confagricoltura Federico Vecchioni.

Come si ricorderà, il «Tavolo» comprende le tre organizzazioni agricole: Cia, Confagricoltura e Copagri, le quattro centrali cooperative dell'agroalimentare: Fedagri-Confcooperative, Legacoop Agroalimentare, Agrital-Agci, Ascat-Unci, Federalimentare-Confindustria nonche' le federazioni di settore dei tre sindacati dei lavoratori Fai-Cisl, Flai-Cgil e Uila-Uil.

«E’ la prima volta – hanno commentato gli ‘undici’ – che partecipiamo ad un importante appuntamento istituzionale con una posizione unitaria e coesa. Crediamo sia il modo migliore di presentarci, senza distinguo e rappresentando, in una sintesi costruttiva, gli interessi degli operatori.»

«Nel merito – hanno proseguito – chiediamo a Governo ed istituzioni essenzialmente due cose. Sul fenomeno del ‘caro-alimentare’, va evitata la ricerca del colpevole a tutti i costi e si deve invece tendere ad un equilibrio stabile della filiera. Sulla health check, invece, riteniamo che la posizione italiana debba tenere conto che, se si intende procedere alle innovazioni proposte, lo si deve fare con la necessaria gradualità e tenendo conto delle specificità di alcune produzioni e territori nonché dei relativi liveli occupazionali.»