8 aprile 2020
Aggiornato 04:31
Cinema italiano

«I moschettieri del re» tra cavalcate, fantasia e commedia

Nella pellicola di Giovanni Veronesi, Pierfrancesco Favino, Valerio Mastandrea, Rocco Papaleo e Sergio Rubini tra cavalcate e combattimenti danno vita a un film d'avventura che ha accenti di commedia e che somiglia a una favola

ROMA - Sono dei supereroi un po' malconci ma ancora pronti a servire la regina di Francia «I moschettieri del re» di Giovanni Veronesi, al cinema dal 27 dicembre. D'Artagnan, Porthos, Athos e Aramis partono per una missione, con spade e moschetti, per difendere la libertà degli ugonotti perseguitati da Mazzarino. Pierfrancesco Favino, Valerio Mastandrea, Rocco Papaleo e Sergio Rubini tra cavalcate e combattimenti danno vita a un film d'avventura che ha accenti di commedia e che somiglia a una favola. «E' un film di fantasia, un family - ha spiegato il regista alla presentazione del film - Ho trovato dei produttori che mi hanno permesso di fare un film vero, con le battaglie, di ricostruire un '600 che era duro, però cercando di far ridere. Come facevano Risi e Scola, che nella stessa scena ti facevano ridere e piangere».

Veronesi: Mi affascinava l'idea del supereroe

Per realizzare «I moschettieri del re» Veronesi ha pensato a film del passato come «L'armata Brancaleone» e «Non ci resta che piangere», ma in questo caso si toccano anche il tema della religione e quello della vecchiaia. A questo proposito Veronesi ha spiegato: «Anche oggi la religione sta facendo i suoi danni - ha detto - ma io volevo affrontare le cose non troppo seriamente: mi piaceva un tema così eroico in un momento in cui gli eroi sono pochi. E poi io non penso a loro come vecchi, mi affascinava l'idea del supereroe che non ha più voglia di salvare il mondo». Rubini ha sottolineato: «Mi piaceva stare in un film di Natale e di supereroi, credo che sia una cosa nuova nel cinema italiano», mentre Mastandrea ha detto: «Riconosco a Giovanni la capacità di mettere in piedi sempre qualcosa di straordinario».

Il ruolo delle donne

Le donne nel film hanno tutte un ruolo decisivo, a partire dalla regina interpretata da Margherita Buy: «Mi piace perché ha molte paure, è una regina dal lato umano» ha detto l'attrice. La sua ancella è Matilde Gioli, che nel film ha tirato fuori un lato comico, Giulia Bevilacqua è la Milady fiera di essere perfida, Valeria Solarino un moschettiere mancato. Le musiche del film sono dei Gratis Dinner, nome dietro il quale si cela Luca Medici, in arte Checco Zalone.

Sostieni DiariodelWeb.it

Caro lettore, se apprezzi il nostro lavoro e se ci segui tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento straordinario. Grazie!

PayPal