21 settembre 2019
Aggiornato 23:30
Psicologia

I mesi più stressanti dell’anno: ottobre e novembre

Un’indagine rivela che a essere più stressante non è il mese di dicembre e le sue festività come il Natale, ma per gli italiani, a sorpresa, sono i mesi di ottobre e novembre caratterizzati da troppe cose da fare e l’essere sempre più di corsa

Stress, i mesi peggiori sono ottobre e novembre
Stress, i mesi peggiori sono ottobre e novembre Shutterstock

ROMA – Se qualcuno pensava che la maglia nera dello stress era affibbiata al mese di dicembre e il Natale, con la tipica frenetica corsa a regali e cibi, be’ si dovrà ricredere. Secondo infatti una indagine condotta per conto di Groupon, sarebbero invece ottobre e novembre i mesi più stressanti dell’anno per il 50% degli italiani.

Sempre più stanchi
L’essere sempre più stanchi è il ‘leitmotiv’ riportato dalla quasi maggioranza degli oltre 2.000 italiani coinvolti nell’indagine. Secondo le risposte degli intervistati, infatti, il 43,5% si sente sempre stanco, dorme poco e mangia in maniera sregolata. Al contrario, il mese di dicembre rende la vita dura a soltanto il 12% dei connazionali. Ma a incidere sulla qualità della vita è anche la primavera, che supera l’inverno con una diffusa difficoltà dovuta al cambio stagione (23%), e dall’estate (15%), in particolare con il mese di luglio passato a lavorare quando in genere fa molto caldo e molti sono già in vacanza.

Il livello di stress sale sempre più
Quando è stata rivolta la domanda sul livello di stress percepito, da valutare in una scala da 1 a 5, quasi il 40% degli intervistati ha risposto con il massimo del punteggio, cioè 5, dichiarando di sentirsi sotto il massimo della pressione. Il 21% degli intervistati dice di sentirsi a livello 4 di stress e le cause sono l’essere giudicati e attaccati da tutti. In mezzo a tutto questo stress, soltanto il 5% sente di essere a livello 1.

Troppe cose a cui badare
Ma qual è il motivo di tanto stress e ansia? Per il 36% degli intervistati è l’avere troppe cose da fare e non aver abbastanza tempo per farle. Gli impegni quotidiani, che sezionano le persone in tanti piccoli pezzi, e la necessità di correre ogni giorno dividendosi appunto tra famiglia, lavoro e casa sono fonte di preoccupazione, ansia e stress per il 17,5% degli italiani. A ciò si somma il dover affrontare problemi di natura economica (per il 14,3%). Anche l’essere ‘always connected’, tanto di moda, è causa di stress per oltre il 63% degli intervistati, secondo cui la tecnologia non aiuta, rendendo reperibili sempre e ovunque.

Come combattono lo stress gli italiani?
Ma gli italiani sanno come combattere lo stress? Secondo quanto emerso dall’indagine di Groupon, il 40% dei partecipanti ha dichiarato di sentirsi in grado di affrontare le tensioni. Per questo cercano di definire le priorità e occuparsi delle cose più importanti: in questo caso, quasi il 14% crede di saper gestire bene lo stress, senza perdere mai il sorriso. In mezzo a tutto ciò, però, il 23% tende a sentirsi sopraffatto dall’ansia. Ed ecco che allora si corre ai ripari nel modo più congeniale a se stessi: per esempio, per il 37% è l’amore e l’affetto di famiglia e amici. Segue il prendersi un po’ di tempo per sé, per farsi belli, rilassarsi, fare sport (il 29.5%). Quando si pensa al ‘relax’, per il 29% degli italiani viene in mente una Spa, o ancora un massaggio (circa il 24%) oppure un viaggio (per il 23%). Infine, la noto dolente è che gli italiani stressati trovano una valvola di sfogo nei propri partner, i quali nel 52% dei casi devono subire le intemperanze di chi si trova sotto pressione e ha bisogno di sfogarsi. Magra consolazione, è sapere che il 20% degli stressati si sfoga con chiunque capiti a tiro – e lo si può anche vedere sulle strade tutti i giorni.