22 gennaio 2020
Aggiornato 23:30
La musica classica che sfugge ai circuiti ufficiali

I cori a Classical Music World

Oltre gli artisti più conosciuti, la fiera della musica classica dedica all’interno del ricco programma alcuni appuntamenti alle realtà corali italiane, un patrimonio che rappresenta una parte della nostra cultura musicale

VERONA - Un patrimonio intellettuale e immateriale da salvaguardare e promuovere: Classical Music World, la fiera della musica classica, in programma a Veronafiere fino a domenica 22 aprile, dedica ampio spazio, con un programma di esibizioni e seminari di approfondimento, alle realtà corali italiane, ancora oggi non del tutto censite in quanto molti gruppi nascono e si sviluppano in maniera del tutto amatoriale.
E’ organizzata da Sony Classical la Santa Messa di domenica 22 aprile alle ore 11.00 presso l’Auditorium Verdi, cantata dal Ghislieri Consort e celebrata da Monsignor Gabriele Grandis. Il Ghislieri Choir & Consort di Pavia è costituito da alcuni dei più qualificati musicisti barocchi italiani, cantori e strumentisti, regolarmente presenti in tutti i più importanti gruppi di musica antica.

Tre convegni e tre concerti sono previsti per domani, sabato 21 aprile, organizzati da Feniarco- Federazione Nazionale Italiana che riunisce le Associazioni Corali di tutte le regioni italiane e delle province autonome di Trento e Bolzano e Asac- Associazione per lo Sviluppo delle Attività Corali.
Con circa 3.200 realtà corali, queste associazioni svolgono rispettivamente, a livello regionale e locale, un ruolo di approfondimento, salvaguardia e diffusione del patrimonio corale musicale.
Il mondo corale italiano nella sua complessità annovera una stima di 15.000 formazioni, tra cori associati, scolastici, parrocchiali e cori non associati.
«Polifobia - chi ha paura della Polifonia?» è il titolo del primo convegno delle ore 10.30 tenuto da Lorenzo Donati che sarà seguito alle 14.00 da «Compositori contemporanei e il coro oggi» di Mauro Zuccante e alle 15.00 da «Vivere di musica. L'esperienza di un compositore multitasking» che vede come relatore Nicola Campogrande.

I concerti al Teatro Verdi - Terminata la parte formativa, sempre nella stessa giornata, presso l’auditorium Verdi, iniziano i concerti i cui protagonisti sono cori altamente qualificati e particolarmente rappresentativi della realtà corale italiana.
Il primo ad esibirsi, alle ore 16.00, è il Coro da Camera di Varese diretto da Gabriele Conti, attualmente composto da trenta cantori, che esegue musica corale sacra e profana ed è attivo dal 1969.
A seguire, alle 17.00, un’esibizione del coro Filarmonico Trentino diretto da Sandro Filippi, di recente formazione, che vanta partecipazioni a numerose rassegne sul territorio nazionale.
Chiude la serata, alle 18.00, un coro veneto, il Coro Città di Piazzola sul Brenta che si costituisce nel 1993 sotto la direzione del Maestro Paolo Piana.