18 agosto 2018
Aggiornato 08:30

Ogier, falsa partenza e rimonta: dal quinto al primo posto

L’esperienza del francese ha fatto la differenza in una prima tappa tormentata dal maltempo. Alle sue spalle seguono Neuville (Hyundai) e Latvala (Toyota)

ALGHERO – Si è conclusa solamente la prima tappa, ma è certo che la forza e la strategia mostrate da Sebastien Ogier e Julien Ingrassia, al volante della loro Ford Fiesta Wrc dell’M-Sport Wrt, hanno impressionato. In una tappa particolarmente tormentata dal maltempo, con pioggia e fango che l’hanno fatta da padrone, il francese dopo aver vinto la prova di apertura svoltasi ieri, ha oggi iniziato un po’ in sordina, terminando il primo giro sulle prove addirittura in quinta posizione, a 23 secondi da chi in quel momento stava guidando la gara, Thierry Neuville. Ma al via del secondo giro, nel secondo passaggio sulla prova di Tula, il francese ha piazzato un tempone straordinario , anche grazie a un testacoda nel quale è incappato il leader provvisorio della corsa, ed è passato al comando. Da lì in poi Ogier, cinque volte campione del mondo e vincitore qui in Sardegna di tre edizioni della gara, ha costantemente dilatato il suo vantaggio sugli avversari fino a chiudere oggi con 18.9 Ssecondi di vantaggio su Thierry Neuville, in coppia con Nicolas Gilsoul su Hyundai i20 Coupé Wrc, con 37.1 secondi su Jari-Matti Latvala con Mikka Anttila su Toyota Yaris Wrc, e con 41.6 secondi su Esapekka Lappi e Janne Ferm, anche lui su Toyota. Al quinto posto ha chiuso poi il norvegese Mads Østberg con Torstein Eriksen su Citroën C3 Wrc. Prove sfortunate per Andreas Mikkelsen, con Anders Jaeger-Synnevaag su Hyundai i20 Coupè Wrc, costretto al ritiro dalla rottura del cambio, quando era in seconda posizione assoluta, e di Elfyn Evans e Daniel Barrit, Ford Fiesta Wrc di M-Sport Ford World Rally Team, che ha toccato danneggiando la sospensione anteriore destra già nel primo tratto cronometrato odierno, perdendo oltre 12 minuti e ogni possibilità di puntare a un piazzamento di rilievo. Ma i più sfortunati sono stati l’estone Tanak, fermatosi nell’ultima prova odierna per i danni subiti al motore della sua Toyota all’atterraggio da un salto a pochi chilometri dalla chiusura della tappa, e Teemu Sunninen, finito fuori strada sempre nell’ultimo tratto cronometrato su Ford Fiesta Wrc.

I cadetti
Per quanto riguarda la classifica del Wrc2, prova in crescendo per Fabio Andolfi che con la Skoda Fabia di Aci Team Italia, portata in gara dal team Motorsport Italia, ha oggi concluso in quarta posizione. Al primi tre posti di questa serie iridata riservata alla vettura della categoria R5 hanno chiuso Lefebvre, Citroen C3, davanti a Kopecky, Skoda Fabia, e a Ciamin su Hyundai i20. Tra le prove sfortunate della giornata da sottolineare anche quella di Tommaso Ciuffi, in coppia con Nicolò Gonella su Peugeot 208 R2, equipaggio supportato da Aci Team Italia, nettamente al comando nella loro classe e nel due ruote motrici, anche davanti agli abituali protagonisti del mondiale Wrc3, ma fermato dalla rottura di un semiasse. La gara è però ancora lunga. Sabato seconda tappa, la più lunga del rally e potenzialmente quella destinata a essere decisiva con le sue sette prove. In programma, fra gli altri, i due passaggi ripetuti due volte sulle lunghissime Monti di Alà di 28,52 km e Monte Lerno di 29,11. In totale 146 chilometri cronometrati, immersi in un percorso totale di 627,38 km.