19 gennaio 2020
Aggiornato 00:30
Il video-editoriale per il Diario Motori

Minardi: Vince Valtteri Bottas e alla Mercedes si scatena il caos

Il primo successo nella carriera del finlandese, maturato al termine di una gara priva di colpi di scena ma comunque molto intensa, mette confusione in casa delle Frecce d'argento. E la Ferrari potrebbe approfittarne

FAENZA – A Sochi la vittoria è sfuggita alla Ferrari, ma comunque anche stavolta sono stati tanti i segnali positivi che la Rossa può trarre dal fine settimana di gara: «Il Gran Premio di Russia è stato affascinante già dal sabato, quando la Ferrari è tornata alla pole position dopo tantissimo tempo, con una prima fila tutta rossa – racconta l'ex team principal Gian Carlo Minardi – Forse non è stata una gara spettacolare ma sicuramente molto intensa e ci fa ben sperare». Il nostro opinionista ci fa notare come, a dispetto della mancanza di colpi di scena, nella gara russa sia stato proprio il passo indiavolato a rendere incerto l'esito fino alla bandiera a scacchi: «Abbiamo assistito forse ad una delle migliori gare delle ultime stagioni, indubbiamente senza sorpassi ma molto avvincente per il ritmo del tempo sul giro. Si sono combattuti Sebastian Vettel e Valtteri Bottas fin dalla prima curva: ottima la partenza del finlandese della Mercedes ma, giro dopo giro, si sono strappati i migliori tempi per tutte e cinquantadue le tornate della corsa. Non parliamo poi degli ultimi quindici passaggi che hanno visto una lotta al millesimo di secondo. Questa è la Formula 1 che vogliamo vedere». Alla fine, a trionfare è stato proprio il nuovo arrivato delle Frecce d'argento, che però, in coincidenza con il quarto posto del suo compagno di squadra, rischia di scatenare il caos nel team tedesco: «Il risultato di Bottas metterà indubbiamente un po' di confusione in casa Mercedes – prevede Minardi – nonostante gli abbracci che Lewis Hamilton si è sperticato a fare a fine gara».