26 ottobre 2020
Aggiornato 14:00
MotoGP

Vinales conquista la pole del Gp di Emilia Romagna

Quinto Bagnaia, settimo Rossi. Spiragli per il futuro di Andrea Dovizioso, leader del mondiale e presentatosi con una tuta con su scritto «Disoccupato»

Vinales in pole al GP dell'Emilia Romagna
Vinales in pole al GP dell'Emilia Romagna Yamaha

Maverick Vinales conquista la pole position del Gp di Emilia Romagna in programma domani sulla pista di Misano. Oltre a Vinales, in prima fila ci sono l'australiano Miller (Pramac Ducati) e il francese Fabio Quartararo (Petronas Yamaha). Quinto Bagnaia, settimo Rossi davanti a Morbidelli, Petrucci e Dovizioso.

Spiragli per il futuro di Andrea Dovizioso, leader del mondiale e presentatosi con una tuta con su scritto «Disoccupato». «Stiamo parlando con alcune case tra cui KTM - ha detto il suo manager - ma non c'è ancora nulla di concreto per il 2021. I posti in MotoGP sono tutti occupati, ad oggi Andrea non sarà alla partenza del prossimo Mondiale».

Vinales: «Abbiamo fatto passi in avanti»

«Non ho esultato come la scorsa volta, abbiamo fatto dei passi in avanti. Nelle prove libere 4 mi sono trovato molto bene: abbiamo un passo migliore rispetto alla scorsa gara. Sarà un'opportunità per migliorare domani.». Lo ha detto Maverick Vinales dopo la pole position nel Gran Premio dell'Emilia Romagna e della Riviera di Rimini di MotoGP.

Warm up, a sorpresa Alex Marquez il più veloce

Warm up con sorpresa stamattina sul circuito di Misano, dove nel pomeriggio si correrà il motogp dell'Emilia Romagna e della riviera di Rimini. Il più veloce di tutti è stato Alex Marquez, fratello del campione del mondo Marc che è ancora fuori per infortunio.

Sulla sua Honda, Alex che nei giorni precedenti è sempre stato lontano dalle prime posizioni (e in griglia partirà dal 17mo posto), oggi è stato invece il più forte. Con il tempo di 1'32″402, il più giovane dei fratelli Marquez ha preceduto Vinales di 10 millesimi, e il francese Quartararo di 70. Più indietro Morbidelli, Nakagami, Aleix Espargarò, Mir, Pol Espargarò, Dovizioso e Bagnaia, anche se in realtà i tempi sono tutti racchiusi in poco più di 4 decimi di secondo. Più lontani Valentino Rossi e Danilo Petrucci, rispettivamente 12mo e 15mo, a oltre mezzo secondo.