21 maggio 2019
Aggiornato 15:00

Brescia in serie A: un aiuto per il Milan

La compagine lombarda, vincitrice del campionato di B, può diventare una preziosa alleata dei rossoneri a partire dalla prossima stagione

Il Brescia festeggia il ritorno in serie A dopo 8 anni di B
Il Brescia festeggia il ritorno in serie A dopo 8 anni di B ( ANSA )

MILANO - Le tifoserie di Brescia e Milan sono gemellate da decenni e la recente promozione in serie A della squadra biancoazzurra è stata accolta con attestati di stima ed approvazione dalle frange più calde dei supporter milanisti, felici del ritorno in serie A degli amici bresciani dopo 8 anni di attesa. Ma ben presto, il salto di categoria del Brescia potrebbe diventare alleato del Milan anche in vista delle prossime sessioni di calciomercato, poiché i destini dei due club si potrebbero intrecciare, aiutandosi reciprocamente e dando via ad una sinergia che ai rossoneri farebbe non poco comodo, soprattutto se la filosofia societaria rimanesse improntata sulla valorizzazione dei giovani.

Alleanza

Non è un mistero, infatti, che al Milan (così come ad altri club) piaccia tanto Sandro Tonali, gioiello bresciano classe 2000, già nel giro della Nazionale ed unanimemente considerato come il naturale erede di Andrea Pirlo, sia per somiglianza fisica, movenze e per la posizione occupata in campo. La promozione del Brescia ha indotto il presidente Cellino a blindare il giovane centrocampista («Non ascolterò nessuna offerta», ha detto chiaramente il patron), punto cardine della squadra di Corini anche in serie A; Tonali finisce fuori dal mercato, annullando per il momento la posizione di vantaggio che la Roma sembrava aver acquisito per il regista. 

Unità di intenti

Il Milan può così riorganizzarsi, valutare la prima annata del talento bresciano in serie A e riproporre la sua offensiva fra un anno, sfruttando magari l’interesse del Brescia verso Alessandro Plizzari che può finire in prestito proprio alla neopromossa lombarda e diventare il nuovo portiere delle rondinelle, acquisendo finalmente quell’esperienza in massima serie che i rossoneri non possono garantirgli. Il possibile prestito di Plizzari (oltre all’arrivo probabile a Brescia di Josè Mauri, in scadenza di contratto col Milan) può dunque aprire una corsia preferenziale per Leonardo e Maldini, pronti a sfruttare ogni collante possibile per rientrare in lotta per Tonali fra un anno e, chissà, magari finire anche in pole position per quello che potrebbe diventare il miglior centrocampista italiano per le prossime stagioni.