19 marzo 2019
Aggiornato 11:30

Valentino Rossi allontana il ritiro: «E' l'ultimo contratto? Non è detto...»

Valentino, 40 anni tra meno di due mesi, ha ancora un contratto di due anni con la Yamaha e tanta voglia di stupire ancora. Intanto da Marc Marquez arriva un bell'attestato di stima

Valentino Rossi
Valentino Rossi ANSA

Valentino Rossi, l'Immortale. E' difficile trovare aggettivi in grado di descrivere cosa rappresenta Valentino per il motociclismo: il 14 febbraio Vale compirà 40 anni, un'età considerata piuttosto avanzata per mettersi in sella a un bolide e a competere in MotoGp. Un limite valido per chiunque, ma non per lui. E' stato Valentino Rossi, negli scorsi giorni, ad allontanare il ritiro: «E' l'ultimo contratto della mia carriera? Non ho ancora deciso...».

Valentino Rossi allontana il ritiro

Attualmente Valentino Rossi ha ancora due anni di contratto con Yamaha. Se dovesse dire «stop» dopo le due stagioni, si ritirerebbe all'età di 42 anni, nel 2020. E' vero che nell'ultima stagione Rossi non ha mai vinto, ma oggi Vale detiene già tantissimi record di longevità in MotoGp: è il pilota più anziano ad aver vinto un gran premio (38 anni e 128 giorni, Olanda 2017), il campione del mondo più anziano in MotoGp (30 anni e 251 giorni, 2009). L'obiettivo nel 2019? Sempre lo stesso: competere ad altissimi livelli e divertirsi, mettendo nel mirino podi e vittorie. Insomma, rivedremo Valentino in sella alla sua M1, nonostante il feeling con la moto non sia stato del migliore nell'ultima stagione. Sarà proprio questo spirito di rivalsa a motivarlo, e chissà che Vale non possa decidere di continuare anche dopo il 2020.

Marquez, mano tesa a Rossi: «In gara dà qualcosa in più»

Ad ammetterlo è lui stesso, durante un'intervista concessa a Speedweek: «Ho firmato un biennale per il 2019 e il 2020, ma non ho ancora deciso se sarà il mio ultimo contratto o meno. Voglio affrontare la mia prossima decisione quando sarà il momento». Step by step, un passo alla volta, Gp dopo Gp. Se nel mondo del motociclismo inizia a circolare una leggera sfiducia verso Rossi, l'attestato di stima che non ti aspetti arriva da chi con Valentino battaglia a ogni Gran Premio, incrociando traiettorie e dandosi sportellate. Marc Marquez. Il campione del Mondo ha riconosciuto le qualità ancora presenti nell'eterno rivale: «Da Valentino prenderei l'esperienza. Nel weekend magari fa anche fatica ma la domenica, in gara, fa sempre qualcosa di speciale. Fa sempre un po di più e non so dove lo trova». Marquez, campione e pilota, lo sa meglio di tutti: dovrà ancora lottare con Valentino Rossi per due anni. O forse ancora di più.