18 novembre 2018
Aggiornato 05:00

Milan: Higuain ha già fatto il pieno. E a proposito di mercato…

Il centravanti argentino da quando è al Milan ha già collezionato tanti infortuni quanti quelli subiti in tre anni al Napoli e in due stagioni alla Juve. Sarà il caso di dire basta alla sfortuna
Il momento dell'infortunio subito da Higuain a Udine
Il momento dell'infortunio subito da Higuain a Udine (ANSA)

MILANO - Due leggeri acciacchi in tre anni vissuti a Napoli, altri due piccoli problemini fisici in due campionati intensissimi alla Juventus. Da quando è arrivato al Milan siamo già a due infortuni in appena 3 mesi di attività. Non ci vuole un genio per capire che il bilancio delle soste in infermeria di Gonzalo Higuain da quando ha indossato la casacca rossonera non è in linea con le sue ultime stagioni. Una buona ragione per invocare la buona sorte e contestualmente prendersela con il destino cinico e baro che ha già privato i tifosi milanisti del suo centravanti in qualche occasione di troppo. Giovedì sera i ragazzi di Gattuso andranno a sfidare allo Estadio Benito Villamarín di Siviglia il Betis di mister Quique Setién e saranno costretti a giocarsi una grossa fetta di Europa senza il proprio centravanti. Non proprio la maniera migliore per affrontare un impegno di tale rilevanza. Se a questo aggiungiamo che dopo appena tre giorni i rossoneri ospiteranno l’invincibile armata juventina capitanata da Cristiano Ronaldo, lui si intoccabile e invulnerabile come una statua greca, si capisce perchè a Milanello si respiri un’aria non delle più salubri.

Idea Benatia
Nel frattempo, mentre Gennaro Gattuso sfoglia la margherita in attesa di risposte illuminanti su quello che potrebbe essere il modulo più adatto ai pochi giocatori abili e arruolati per la trasferta spagnola, a Casa Milan si lavora in vista del mercato di gennaio.
Nei giorni scorsi, dalle colonne del Diario Rossonero avevamo anticipato la possibilità che Leonardo facesse un tentativo per Mehdi Benatia, ruvido difensore centrale bianconero sempre più inoperoso da quando Bonucci è tornato a casa. Il marocchino potrebbe essere l’innesto giusto per Gattuso che dovrà fare fronte all’assenza di Caldara per diversi mesi. L’ipotesi è di un prestito con diritto/obbligo di riscatto fissato a 15 milioni di euro.

Ramsey ha detto si
Novità di mercato anche per la linea mediana rossonera. Secondo il popolare quotidiano inglese The Guardian, il centrocampista Aaron Ramsey potrebbe presto seguire Ivan Gazidis a Milano. Il gallese è in scadenza di contratto con l’Arsenal e sta vagliando tutte le possibili offerte. Non è un mistero che il Milan abbia mostrato un certo interesse per il classe ’90 dei Gunners e non è escluso che i buoni uffici del prossimo ad di Casa Milan possano convincere Ramsey a sposare il progetto rossonero. E a proposito di Arsenal, oggi è arrivata dallo stesso diretto interessato la smentita che Arsene Wenger potrebbe diventare il nuovo allenatore del Milan. «Fake news» le avrebbe definite il manager alsaziano. Più o meno le stesse cose che avevamo scritto anche noi nell’editoriale di ieri.

La conferma di Ibra
Chiusura in bellezza dedicata all’uomo che più di ogni altro sta popolando di sogni di gloria dei tifosi milanisti: Zlatan Ibrahimovic. Secondo quanto riportato dal sito ufficiale dei Los Angeles Galaxy, il centravanti svedese ha confermato l'interessamento di qualche club europeo (il Milan in cima alla lista), senza peraltro voltare definitivamente le spalle al suo attuale club: «C’è interesse dall'Europa, non è un segreto, ma la mia priorità è il Galaxy. E comunque non vado in prestito, non ne ho bisogno, se appartengo ad un club mi concentro su quel club».
Considerato che la stagione per Ibra e compagni è finita con la mancata qualificazione ai playoff, ora lo svedese potrebbe tranquillamente pensare ad altro. Magari a conquistare la Champions League con la maglia del club che più ha amato da quando gioca a calcio: il Milan.