15 dicembre 2019
Aggiornato 11:00

Ibrahimovic: "Mi piacerebbe tornare a casa"

Il fuoriclasse svedese gioca e continua a segnare in America, ma nel suo domani potrebbe esserci di nuovo il vecchio continente

Zlatan Ibrahimovic, centravanti dei Los Angeles Galaxy
Zlatan Ibrahimovic, centravanti dei Los Angeles Galaxy ANSA

LOS ANGELES - Zlatan Ibrahimovic continua a far parlare di sè nonostante l'età (il prossimo 3 ottobre gli anni saranno 37) ed un campionato, quello statunitense, considerato non all'altezza di quelli europei, quelli che il campione svedese ha dominato grazie alla sua classe, alla sua potenza e al suo carisma. 37 anni, una valanga di gol alle spalle, un fisco ancora da granatiere ed un ritiro dalle scene tutt'altro che prossimo, come tutt'altro che scontato appare il suo futuro negli Stati Uniti, nonostante il contratto coi Los Angeles Galaxy e la popolarità americana acquisita, come pochi altri calciatori europei hanno avuto oltre oceano.

Ritorno a casa

Nelle ultime ore, infatti, Ibrahimovic non ha chiuso le porte alla proposta del Malmoe che lo invitava a chiudere la carriera nella propria città natale, anzi, il fuoriclasse scandinavo ha eccitato i tifosi svedesi con dichiarazioni che poco spazio hanno lasciato all'interpretazione: "Chiudere la carriera a Malmoe mi piacerebbe molto - ha affermato l'ex milanista - anche perchè fra tutti gli scudetti che ho vinto in carriera, quello svedese mi manca». Il Malmoe non è certamente una società in grado di garantire ad Ibrahimovic competitività nelle coppe europee, ma la sfida di tornare in Europa (seppur in una lega di basso cabotaggio) e di vincere l'ennesimo titolo nazionale da aggiungere ad una bacheca già ricchissima, offrirebbe al campione scandinavo l'occasione per chiudere col calcio giocato alla soglia dei 40 anni e con un'altra affascinante sfida portata a casa.