Sport | Calcio

Milan, chi si rivede: ecco Leonardo

Voci ed indiscrezioni circa il ritorno in società dell'ex calciatore ed allenatore rossonero

Leonardo de Araujo: al Milan è già stato come calciatore, come dirigente e come allenatore
Leonardo de Araujo: al Milan è già stato come calciatore, come dirigente e come allenatore (ANSA)

MILANO - Parlare di Leonardo de Araujo è impresa particolare nell'ambiente milanista: calciatore amatissimo, dirigente ed allenatore apprezzato, personaggio di stile, eleganza, intelligenza e spessore, finito però per essere detestato dai tifosi rossoneri da quel lontano dicembre 2010 quando il brasiliano decise, dopo il brusco esonero e le incomprensioni con Silvio Berlusconi, di cambiare sponda del Naviglio per andare ad allenare l'Inter dove vincerà una Coppa Italia. Da allora tante critiche e tanta ostilità per quello che il popolo milanista considera un traditore che con una scelta ha cancellato anni e anni di trionfi e soddisfazioni in rossonero. Da un anno a questa parte, però, il brasiliano sembra essersi riavvicinato al Milan, complice l'addio di Silvio Berlusconi e gli anni ormai trascorsi anche da quel famoso tradimento.

Figliol prodigo
Leonardo era stato già accostato al nuovo Milan alla vigilia della stagione scorsa, ma aveva replicato molto duramente a tali voci, dichiarando al programma di Sky Sport "Il Club" che nessuno si era avvicinato concretamente a lui e che il progetto cinese non lo affascinava e convinceva, proprio come Paolo Maldini. Col passaggio ad Elliott, però, il nome dell'ex calciatore brasiliano è però tornato di moda, come confermato proprio dalla redazione sportiva di Sky che ha parlato di colloqui molto intensi fra Leonardo e la nuova proprietà, al momento semplici cortesie e sondaggi, senza per il momento approfondire, ma con la convinzione di rivedersi e stilare un programma interessante. Sempre secondo gli inviati di Sky, non è ancora chiaro quale possa essere il ruolo di Leonardo in società, anche se varie fonti parlano di una possibile assunzione come direttore tecnico. Nulla di ufficiale, ma il primo contatto fra il nuovo Milan ed il suo ex allenatore sembra poter indurre all'ottimismo.