16 dicembre 2019
Aggiornato 14:00
MotoGP | Gran Premio di Spagna

La Ducati convince anche a Jerez, Dovizioso «parte bene»

I timori della vigilia sembrano scongiurati dalle prime libere, dove Andrea si piazza sesto e apre un terzetto di Desmosedici, completato da Lorenzo e Miller

Andrea Dovizioso in sella alla Ducati nelle prove libere del GP di Spagna di MotoGP a Jerez
Andrea Dovizioso in sella alla Ducati nelle prove libere del GP di Spagna di MotoGP a Jerez Ducati

JEREZ DE LA FRONTERA – I due piloti della Ducati hanno chiuso nella top ten la prima giornata di prove del GP di Spagna, in programma questo fine settimana sul circuito di Jerez de la Frontera, in Andalusia. Andrea Dovizioso, che aveva terminato in prima posizione le prime prove libere del mattino, nel pomeriggio ha ulteriormente migliorato il proprio crono e ha chiuso la giornata al sesto posto in 1:39.068. «È stata una prima giornata positiva, in cui abbiamo confermato i riscontri del test di novembre e, anche se oggi le temperature erano diverse, sono riuscito a stabilire un buon feeling con la mia Desmosedici GP – commenta Desmodovi – Oggi pomeriggio abbiamo provato delle altre cose ma non siamo riusciti a migliorare e quando ho montato la gomma nuova non mi sono trovato bene sulla seconda moto. Tutto sommato però siamo partiti con una buona base, anche se non è ancora sufficiente e quindi domani dovremo migliorare».

A ruota Lorenzo
Il pilota di Forlì è stato seguito a pochi millesimi dal suo compagno di squadra Jorge Lorenzo, settimo in 1:39.076. «Oggi abbiamo fatto molte prove e trovato delle soluzioni valide – racconta Por Fuera – Alcuni degli aggiornamenti che abbiamo portato qui a Jerez sono stati positivi, ma ci sono delle curve in cui faccio ancora troppa fatica a far girare la moto e perdo qualche decimo. Non sono completamente soddisfatto perchè avrei voluto chiudere la giornata tra i primi cinque, ma nel giro buono ho avuto un piccolo problema al cambio e non sono riuscito ad abbassare il mio tempo. Oggi alla fine non ha piovuto e spero che anche domani il tempo si mantenga bello per poter continuare a lavorare come oggi, perché credo che abbiamo dei buoni margini di miglioramento».

Subito dietro il privato
Anche il pilota satellite Jack Miller si trova subito a suo agio con la Ducati 2017 e dimostra di essere subito veloce, soprattutto nel terzo settore dove ottiene il secondo miglior tempo a soli cinque millesimi da Marquez. Dopo aver chiuso in quinta posizione le prove del mattino, il pilota australiano torna in pista nel pomeriggio con fiducia e chiude in ottava posizione a 36 millesimi dalla prima Ducati di Andrea Dovizioso. «È un giorno molto positivo e sono soddisfatto – ribadisce l'australiano del team Pramac – Sono felice anche per essere tornato a guidare al 100% dopo l’infortunio che mi ha limitato molto a Austin. Il feeling con la moto è davvero buono. Sia nelle prime che nelle seconde libere sono stato agevolmente nei primi dieci e questo ci da grande fiducia in vista delle qualifiche di domani. Sarà comunque una battaglia quindi dovremo migliorare».